Covid-19, Google riuscirebbe a predire potenziali nuovi focolai: lo studio

google covid-19
Covid-19, Google strumento utile per predire nuovi focolai (AdobeStock)

Covid-19, Google potrebbe predire potenziali nuovi focolai. Il tutto grazie ad una ricerca specifica su Google Trends

L’emergenza Covid-19 si fa sempre più preoccupante, non solo in Italia ma anche nel resto del mondo. I vari governi nazionali stanno applicando misure restrittive sempre più stringenti, per cercare – per quanto possibile – di rallentare la curva dei contagi. In attesa del vaccino, si stanno cercando soluzioni alternative per migliorare una situazione che rischia di diventare tragica.

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Mayo Clinic Proceedings da alcuni esperti della Mayo Clinic di Rochester, Google potrebbe essere uno strumento molto utile per predire dove scoppieranno nuovi focolai. Sarebbe addirittura possibile anticipare di 16 giorni un aumento repentino di nuove infezioni, grazie a ricerche specifiche e studio dei dati di Google Trends.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Amazon, il Black Friday inizia oggi: sconti e offerte fino al 19 novembre

Covid-19, Google aiuta a trovare nuovi focolai: ecco come

google covid-19
Il tutto analizzando le parole chiave su Google Trends (AdobeStock)

Google potrebbe rivelarsi uno strumento fondamentale per predire nuovi focolai di Covid-19, con addirittura 16 giorni di anticipo rispetto allo scoppio effettivo. È quanto rivelato da uno studio portato avanti da alcuni esperti della Mayo Clinic di Rochester.Grazie alla nostra ricerca, abbiamo scoperto che alcuni dati presenti su Google Trends potrebbero rivelarsi fondamentali per predire nuovi focolai” le parole riportate dall’Ansa:Analizzando le parole chiave e il loro andamento nel corso delle settimane, si può intuire in anticipo uno scoppio di positivi e allocare risorse nella zona in maniera tempestiva“.

Qualora fosse confermata, la notizia potrebbe rivelarsi molto utile per tentare di rallentare la curva epidemiologica, isolando con tempestività i nuovi focolai ed evitando uno spargimento del virus. Lo strumento rappresenterebbe una valida alternativa ai vari software di tracciamento già presenti sul mercato.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Amazon, il machine learning sbarca nella barra ricerca