Colosso in crisi della telefonia pronto a svoltare con questa idea di smartphone

La crisi causata in gran parte dalle restrizioni provenienti da Washington ma allargate a tanti Paesi mondiali, l’ha fatta crollare in meno di un anno dal terzo al sesto posto della classifica dei giganti della telefonia, senza però costringere Huawei ad alzare bandiera bianca. E produce un nuovo smartphone. 

Huawei (Pixabay)
Huawei (Pixabay)

La società cinese impegnata nello sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti, di sistemi e di soluzioni di rete e telecomunicazioni, fondata nel 1987 da Ren Zhengfei e col quartier generale a Shenzhen, ha inoltrato un nuova domanda di brevetto, pubblicato presso l’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (WIPO), come scoperto da 91mobiles, che potrebbe farla svoltare.

Huawei pensa al successore degli smartphone Mate Xs. E si lancia nel settore della produzione di chip

Chip di memoria (Pixabay)
Chip di memoria (Pixabay)

Lo smartphone in questione è un pieghevole. Ha un modulo rettangolare sporgente sul retro con quattro sensori della fotocamera. Tuttavia, colpisce per qualcosa di molto interessante: offre una soluzione per ridurre lo spessore del dispositivo quando è piegato. Secondo le immagini, infatti, lo smartphone made in Huawei ha una sorta di ritaglio sul lato destro, in modo che il modulo della fotocamera sporgente sul lato sinistro si trovi al suo interno quando piegato, con il fine di ridurre lo spessore del dispositivo quando si piega.

LEGGI ANCHE >>> iPhone 13, una nuova era per i video: immagini cinematografiche alla portata di tutti

Di solito, gli smartphone pieghevoli (con Samsung leader incontrastato) oscillano quando vengono posizionati su una superficie piana. Questo design, invece, offre una soluzione al problema proprio grazie a quel ritaglio speciale, nel quale posizionare il modulo della fotocamera.

LEGGI ANCHE >>> Autobus e metropolitana, ora il biglietto si paga con il credito telefonico

Una soluzione molto pratica sulla carta, anche se sarà necessario vedere innanzitutto quanto potrà andare in profondità e se ciò influenzerebbe in qualche modo la durata del display. Riducendo lo spessore del telefono, lo smartphone protegge anche gli obiettivi della fotocamera, in caso di caduta. Al di fuori del ritaglio della fotocamera, il telefono pieghevole Huawei ha un design tipico con una cerniera al centro e un ampio display nella parte anteriore, probabilmente con una piega evidente.

Per il momento nulla di ufficiale, ma se portato a termine e nel caso in cui dovesse essere lanciato sul mercato, sono in tanti a pensare che sta nascendo un primordiale successore di Huawei Mate Xs, in considerazione del fatto che l’originale Mate Xs ha un grande dosso della fotocamera. Ad ogni modo, dal momento che è ancora in fase di brevetto, non è chiaro se Huawei deciderà di portare un tale design per un prodotto commerciale, ma è interessante sapere che il colosso cinese non ha nessuna intenzione di arrendersi alle pesanti restrizioni statunitense, ha a portata di mano design unici e tutta l’intenzione di rinascere sulle ceneri di una crisi che l’ha colpita sì per il momento, ma non ancora affondata. Anche perché da tempo Huawei si sta espandendo nel settore della produzione di chip, nonostante manchino le prove che Shanghai Akasi Microelectronics Technology produrrà SoC per i telefoni dell’OEM cinese. Tant’è.