Chiamate verificate per Android, Google lancia nuovo servizio

Chiamate verificate Android (screenshot via Google)

Chiamate verificate per tutti i dispositivi che utilizzano come sistema operativo Android, Google mette a disposizione degli utenti maggiore sicurezza.

In quanti, ogni giorno, riceviamo telefonate che in realtà non vorremmo assolutamente ricevere? E non parliamo soltanto dei call center pronti ad offrirci questa o quella tariffa, ma soprattutto di persone che vogliono truffarci. Che siano bot automatici pronti a registrare la nostra voce e usarla per una finta sottoscrizione ad un abbonamento o persone in carne ed ossa, il pericolo c’è ed è molto elevato. Secondo le ultime statistiche di RoboKiller, infatti, nel 2019 le persone che avevano un cellulare hanno dovuto rispondere a 61.5 miliardi di telefonate spam. Un numero impressionante, che significa un aumento di quasi il 30% rispetto alle chiamate del genere registrate soltanto l’anno prima, il 2018. Per questo Google ha deciso di intervenire, fornendo una barriera di protezione maggiore a tutti i dispositivi Android che fanno parte di un nuovo programma.

LEGGI ANCHE —> Realme 7i in arrivo, Snapdragon 662 e schermo a 90 Hz: le indiscrezioni

Chiamate verificate per Android, Google lancia nuovo servizio

Per evitare che chi sceglie un cellulare Android cada in una trappola telefonica, Google ha annunciato un servizio di chiamate verificate. Tramite questa modalità, quando verrete contattati, sullo schermo avrete una miriade di informazioni in più. Non solo chi vi sta chiamando, ma anche da dove, se è una persona verificata e persino il motivo della telefonata può essere specificato dall’altra persona prima di iniziare la chiamata. Una serie di informazioni importanti per dribblare pericoli. All’inizio i cellulari che supporteranno queste funzioni sono quelli che entrano nel progetto Android One, come i Pixel. Ma presto l’aggiornamento dovrebbe essere allargato a tutti i dispositivi Android. Fino ad allora, meglio essere molto attenti ed evitare di rispondere a numeri sconosciuti.

LEGGI ANCHE —> Spotify contro Apple One: “Sleali, danneggiate la concorrenza!”