Carl Pei getta la maschera: tutto sui Nothing Phone

Se il buongiorno si vede dal mattino, è meglio che non faccia mai sera. Dopo aver sorpreso tutti, positivamente, con OnePlus, l’ex co-fondatore della rampante azienda cinese produttrice di smartphone, di proprietà di BBK Electronics, si è messo in proprio. Ed ora vuole stupire con i suoi cellulari.

Nothing smartphone 20220506 cell
Nothing smartphone – Adobe Stock

L’anno scorso l’attivazione della startup di tecnologia consumer chiamata Nothing: subito il boom dei Nothing ear, il bis potrebbe arrivare entro fine anno, anche se sono in molti a pensare che la data di uscita sarà anticipata a fine estate, quando usciranno i primi smartphone.

Con HTC e LG che lasciano lo spazio degli smartphone e un duopolio Samsung-Apple ancora più grande in crescita negli Stati Uniti, ritagliarsi una quota di mercato sarà una richiesta difficile per questo nascente OEM Android. Tuttavia, con il supporto di GV (ex Google Ventures), pubblico e celebrità, il primo smartphone di Nothing è ancora molto atteso. Insomma, Carl Pei è ambizioso e pensa di competere. Ma come?

Alcune immagini teaser astratte dell’azienda suggeriscono delle propbabili funzionalità hardware. Anche se non è chiaro al 100%, un layout del pannello posteriore abbastanza comune potrebbe essere montato sul Nothing Phone, con un nodulo della fotocamera in alto a sinistra, una bobina di ricarica wireless e il cablaggio della batteria per una ricarica rapida. Lo stesso Pei si è limitato a dire che il design (da sempre la sua priorità) è “diverso da qualsiasi cosa tu abbia visto prima”.

Design e software: i chiodi fissi di Carl Pei

Nothing Ear 20220506 cell
Nothing Ear – Adobe Stock

Alcuni concept sono apparsi online mostrando un involucro completamente trasparente, interessante sì ma non si tratterebbe di una novità. L’esempio più recente è stato quello dello Xiaomi Mi 8 Pro, rilasciato nel 2019. I membri del team di alto profilo come Dyson e l’occhio vigile di Teenage Engineering daranno senza dubbio forma all’estetica di Nothing Phone.

Design e software sono stati impostati per essere i punti focali principali piuttosto che la fotocamera. Questo certamente imiterebbe il viaggio di lancio di OnePlus, in cui la fotocamera passa in secondo piano rispetto agli interni e all’esperienza del software, e potrebbe essere sufficiente per convincere i fan della precedente avventura di Carl Pei a salire su carro trainato dai Nothing Phone.

Android 12. Display AMOLED da 6,43 pollici con risoluzione FHD+ e frequenza di aggiornamento a 90Hz, Snapdragon 778G di Qualcomm, 8GB di RAM, 128GB di memoria interna, batteria da 4.500mAh con ricarica wireless e non, le prime specifiche trapelanti.

Fotocamera in secondo piano, ma ciò non vuol dire che sarà scarsa. Si pensa una cam da 32MP, sul retro la tripla da 50MP (principale) + 8MP (ultra grandangolare) + 2MP. Luglio o agosto saranno mesi caldi. Molto caldi.