Bill Gates: “Sorpreso dalle teorie del complotto su di me e il Covid-19”

Bill Gates ha parlato delle teorie del complotto che lo legano al Covid-19 e al vaccino, affermando di esserne sorpreso.

Bill Gates
Bill Gates sui vaccini (screenshot)

Il Covid-19 ha ormai rubato la nostra quotidianità da oltre un anno. Pochi giorni fa c’è stato il triste anniversario dalle prime rilevazioni di questa pandemia che ha colpito milioni di persone. Tante persone sono morte, molte non torneranno mai più come prima, tantissimi hanno perso carie amici. Ma anche il lavoro, la stabilità, la possibilità di studiare, la liberà individuale. Fortunatamente, però, l’umanità si sta muovendo con estrema rapidità per la diffusione di un tanto insperato e richiesto vaccino, che sta iniziano ad essere distribuito. Non senza enormi problemi di produzione, di diffusione e di logistica legati all’imbastire centri di vaccinazione e soprattutto al trasporto delle provette. Tuttavia, rispetto a qualche mese fa, sicuramente la situazione è più rosea e meno complessa, con tante persone che potrebbero presto essere immuni al Covid-19 grazie al vaccino. Una delle persone che spesso tornano ad essere accusate della situazione in cui siamo al momento è Bill Gates.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il Redmi Note 10 sta per debuttare in India: cosa sappiamo

Bill Gates: “Sorpreso dalle teorie del complotto su di me e il Covid-19”

Covid-19 vaccino
Covid-19 vaccino (pixabay)

Il noto magnate che ha fondato Microsoft e ha tra le sua mani un vero e proprio impero tecnologico è stato tra i più bersagliati da coloro che credono nelle teorie del complotto. Ci sono infatti persone che sono certe che proprio l’imprenditore americano abbia creato il virus e sia dietro al vaccino, usato per poterci controllare in un distopico futuro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Apple, tutte le strade portano a un iPhone pieghevole

“Sono molto sorpreso di queste persone che legano me al Covid-19 o al vaccino in questo modo”, ha affermato Gates in un’intervista. “Spesso mi domando cosa si possa fare, perché le persone dicano queste cose sul mio conto”.