Bill Gates, maxi investimento di oltre 2 miliardi per il post Covid: i piani del magnate

Bill Gates punta tutto sulla ripresa con scommessa da 2 miliardi di dollari sul turismo: i piani post Covid del patron di Microsoft 

Bill Gates

(Getty Images)

Bill Gates, l’uomo degli investimenti sostenibili, punta sul turismo di lusso e diventa il socio di maggioranza della catena Four Seasons. È stato stipulato un accordo da 2, 21 miliardi di dollari tra Cascade Investment, la società che gestisce il patrimonio di Gates, e Kingdom Holdings, azienda di investimenti di proprietà del principe saudita Alwaleed bin Talal,

Con l’acquisizione della metà delle quote di Alwaleed, la partecipazione di Gates passa dal 47,5% al 71,25%. I due avevano rilevato Four Season Holding nel 2007, entrambi con 47,5%.

LEGGI ANCHE >>>  Oppo Reno 6 e Reno 6 Pro, due smartphone interessanti: ecco come acquistarli a rate con Vodafone

Bill Gates diventa socio di maggioranza di Four Seasons: i numeri del turismo di lusso

Con l’accordo, che dovrebbe concludersi nel mese di gennaio, Bill Gates diventa il socio di maggioranza. Nulla cambia per il terzo socio, fondatore e presidente Isadore Sharp, che mantiene la sua quota del 5%. Four Seasons Holding gestisce attualmente 121 alberghi e resort in vari paesi nel mondo. Nonostante il settore del turismo abbia subito seri contraccolpi causati dalle restrizioni nel periodo di pandemia e ulteriori complicazioni dovute alla variante Delta, il patron di Microsoft scommette sulla ripresa.

LEGGI ANCHE >>> iPad Pro, l’ombra della crisi dei chip colpisce anche le consegne dei tablet di Apple

Nel 2020 sono stati persi circa 1300 miliardi di dollari nel turismo globale. Secondo i sondaggi il 42% degli americani ha effettuato delle cancellazioni nei mesi estivi; in Italia, la clientela del turismo di lusso è composta all’80% da stranieri con una spesa media di 5 mila euro per persona. Pur facendo parte di un mercato di nicchia – nel nostro paese riguarda soltanto 1% delle strutture e il 3% dei pernottamenti – il turismo di lusso vale 25 miliardi di euro raggiungendo 60 miliardi se si considera l’indotto.