La brand loyalty di Apple non è poi così forte: perché gli utenti passano ad Android (e perché a Apple non importa)

Il processo di Apple ed Epic Games ha portato a galla un dato interessate: una percentuale significativa di utenti Apple decide di passare alla concorrenza, effettuando il passaggio ad Android.

Apple passaggio Android
(Unsplash)

Gli utenti Apple non sono fedeli quanto ci si potrebbe aspettare. La brand loyalty di Apple sembra vacillare: perde fino al 26% degli utenti tra il Q3 del 2019 ed il Q3 del 2020. A rivelare questi dati è stata Apple stessa che, durante il processo contro Epic Games, ha reso pubblici i dati inerenti al passaggio ad Android tra il 2019 e il 2020 rilevati nelle ricerche di mercato. Le cifre sono significative: differiscono nel corso dell’anno e sono influenzate dal lancio di nuovi prodotti, ma complessivamente indicano un trend stabile. Nel contesto del processo, concentrato sulle accuse di monopolio mosse da Epic Games all’azienda di Cupertino, i dati sono serviti a provare che la possibilità di scelta esiste, e che in molti decidono di cambiare dispositivo se Apple non soddisfa le loro aspettative.

Nel Q3 del 2019, il 19% degli utenti è passato ad un dispositivo Android, ma tra il Q1 e il Q2 del 2020 la percentuale ha raggiunto il 26%un quarto degli utenti Apple. Questo picco di passaggi alla concorrenza potrebbe essere una conseguenze della tempistica di lancio dei nuovi modelli di iPhone: gli utenti preferirebbero sostituire il proprio dispositivo prima dell’annuncio dei nuovi prodotti. Un fattore che invece influenza le scelta dei possessori di iPhone globalmente, ma che è stato accentuato dalla pandemia proprio tra il 2019 e il 2020, è quello economico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Privacy: le applicazioni iOS che raccolgono più dati personali (e le alternative che ne tracciano meno)

Apple rivela le percentuali di passaggio ad Android: perché gli utenti passano alla concorrenza

Dati Apple passaggio Android
(Apple)

La maggior parte degli utenti passa ad Android per risparmiare: il prezzo degli iPhone è più alto del prezzo medio di uno smartphone Android, motivo per cui anche gli utenti più fedeli che hanno mantenuto il proprio iPhone a lungo, nel momento in cui scelgono di acquistarne un nuovo telefono, possono essere scoraggiati dal costo dei nuovi dispositivi ed optare per Android.

Inoltre, Apple non offre solo singoli prodotti, ma un vero e proprio ecosistema ed uno stile di vita. Ad ora né Google né gli altri competitori hanno sviluppato un sistema coeso ed evoluto come quello di Apple: il suo scopo è quello di incoraggiare i propri utenti a comprare tutti i dispositivi che si inseriscono in questo sistema ed integrare un ecosistema Apple ben più ampio di un singolo smartphone nel proprio stile di vita. Per questo il passaggio ad Android di utenti che, per motivi di preferenze personali (non sono pochi a sentirsi “rinchiusi” nel sistema di Apple) o necessità economiche, limitano la propria esperienza all’iPhone, è relativamente poco significativa rispetto agli obiettivi globali dell’azienda.

Nonostante tutto, la brand loyalty è aumentata nuovamente nel Q3 del 2020, molto probabilmente grazie alle vendite dell’iPhone 12.

LEGGI ANCHE >>> Gli iPhone 13 si avvicinano: quello che sappiamo sui nuovi smartphone Apple