Apple Mixer potrebbe rivoluzionare gli iPad: cos’è e come funziona

Trapelata in rete una possibile novità di iPadOS 16 che potrebbe rivoluzionar per sempre la gamma tablet di Apple: si tratta di Apple Mixer, una funzione che avvicinerà ancor di più iPad ai Mac

Universal Control, la novità più importante del nuovo iPadOS 15.4, ha dimostrato che il tablet di Apple può essere uno strumento prezioso per la produttività, oltre che un perfetto compagno per massimizzare l’esperienza d’uso con il proprio Mac. Eppure, il colosso statunitense non sembra volersi fermare e sulla valorizzazione della dicotomia del tablet e del computer inseriti dentro a un solo dispositivo, resa manifesta già da qualche anno grazie alla creazione di tastiere per iPad, supporto al trackpad e, più di recente, processori mutuati dai Mac, potrebbe arrivare a stretto giro (forse già con iPadOS 16) una novità destinata a lasciare completamente il segno: Apple Mixer.

Apple Mixer novità iPadOS 16 iPad
Apple Mixer sarà la più importante novità di iPadOS 16? (AdobeStock)

Due parole che potrebbero dire poco o nulla ma che sottendono una strategia ben precisa da parte del gigante di Cupertino: valorizzare le potenzialità di Apple M1 su iPad (approdato finanche di recente sull’ultimo iPad Air 5) e avvicinare l’esperienza d’uso del tablet Apple a quella di un Mac. E come se non cambiando l’interfaccia utente, allontanandosi dalle scelte più vicine agli smartphone (iPadOS è d’altronde un iOS cucito su misura per esaltare al massimo i vantaggi di uno schermo grande) e strizzando invece l’occhio ai Mac.

Non possiamo parlare totalmente di macOS su iPad, ma l’intenzione di Apple è comunque quella di ricreare una sorta di ambiente desktop su tablet, soprattutto in presenza di un iPad con tastiera. La funzione Apple Mixer è stata anticipata su Twitter dal tipster Majin Bu e non è dunque ancora ufficiale né tantomeno ufficiosa. Eppure, la precisione con cui viene descritta lascia intuire che un fondo di verità esiste. Ma in cosa consiste più di preciso?

Cos’è Apple Mixer, la potenziale novità di iPadOS 16

Secondo quanto spiegato dalla fonte, Apple Mixer è in grado di ridimensionare in automatico le app aperte non appena l’iPad viene collegato a una tastiera e a un trackpad, così da simulare una sorta di esperienza in “stile” desktop. Tradotto ancor più limpidamente, la novità di iPadOS 16 (la fonte non lo dice, ma è probabile che Apple Mixer sia parte integrante del prossimo aggiornamento per iPad) Una novità mutuata dai tablet Samsung, che già da qualche anno possono fregiarsi della presenza delle finestre flottanti, con indubbi vantaggi al multitasking.

La soluzione congegnata da Apple è sicuramente molto intelligente, e ciò per diverse ragioni: non soffoca, se così si può dire, la parte “tablet” di iPad, valorizzata pienamente in tutti quei frangenti in cui iPad non è abbinato a una tastiera o un mouse; dall’altro lato, non sovrappone iPad e Mac, con quest’ultimo ancora in vantaggio sul primo per la presenza di app specifiche e un ambiente desktop ancor più completo. Infine, valorizza tutta la potenza di Apple M1 su iPad e la presenza di 8 gigabyte di memoria RAM sugli ultimi tablet di Apple. Laddove confermata, è probabile che Apple Mixer costituirà una prerogativa esclusiva degli iPad con Apple M1, differenziando così la gamma “standard” da quella “Pro” e “Air”.