Apple: l’ultima mossa è un buco nell’acqua | Potrebbe allontanare moltissimi utenti

Seppur per motivazioni, numeri alla mano, differenti, Disney+ e Netflix hanno deciso di introdurre in maniera diversa l’utilizzo delle pubblicità nelle rispettive piattaforme. Il prossimo business che avrebbe in mente Apple, potrebbe essere molto simile.

Sembra un bel cambiamento rispetto a quando Steve Jobs aveva propagandato che iCloud non avrebbe avuto pubblicità quando lo ha annunciato nel 2011. A quanto pare, i tempi sembrano cambiati. E di molto.

Arrivano gli annunci in app
Arrivano gli annunci in app

Mostrare annunci sul proprio iPhone o iPad: il colosso di Cupertino sarebbe pronta a espandere gli annunci in nuove aree. Un modo per far soldi, naturalmente. Sarebbe questa la strategia che vorrebbe mettere in piedi Tim Cook, almeno stando a quanto sostiene Mark Gurman nella sua consueta rubrica Power On di Bloomberg.

L’anno scorso, Apple ha lanciato una funzione chiamata App Tracking Transparency, o ATT. Consente ai consumatori di decidere se le app possono tracciarli su altre applicazioni e siti Web, un modo fondamentale per gli esperti di marketing di raccogliere dati e quindi pubblicare annunci più pertinenti. In genere, migliore è l’annuncio, più soldi genera.

Come reagiranno i possessori di iPhone o iPad?

Con questo in mente, Apple, nel tempo, espanderà notevolmente la propria attività pubblicitaria. Di questo Gurman è fermamente convinto. L’ipotesi, o indiscrezioni, partirebbe dallo status quo: gli sforzi pubblicitari di Apple oggi consistono in annunci display all’interno delle sue app News e Stocks, nonché all’interno dell’App Store, su iPhone, iPad e Mac.

L’App Store ha anche una ricerca simile a Google Annunci. E più recentemente, Apple ha inserito la pubblicità all’interno di TV+ per il suo accordo “Friday Night Baseball” con la Major League Baseball.

Apple 20220817 cell 2
Apple – Adobe Stock

Nelle app Notizie e Azioni, gli annunci display non sono diversi da quelli che si vedono in rete su portali supportato da pubblicità.
Alcune persone potrebbero risentirsi di Apple che inserisce annunci nelle app Notizie e Azioni. Ora, una parte delle entrate pubblicitarie va agli editori, ma non è chiaro quanto. Apple consente agli editori di fare pubblicità all’interno delle loro storie e di trattenere la stragrande maggioranza di quei soldi.

Sull’App Store, gli annunci display sono attualmente mostrati nella scheda di ricerca nel pannello Suggerimenti. Apple espanderà presto anche gli annunci nella scheda “Oggi” principale e nelle pagine di download di app di terze parti, sempre secondo Gurman.

Le ambizioni future del gigante della tecnologia sono più ampie. Apple alla fine espanderà gli annunci di ricerca su Maps. Probabilmente, secondo Gurman, li aggiungerà anche a vetrine digitali come Apple Books e Apple Podcasts. E TV+: spot a più livelli, proprio sulla falsariga di Netflix e Disney+, tanto per citare colossi direttamente proporzionali a Apple.

Tim Cook potrebbe sfruttare gli annunci anche in app quali Podcast e Libri, applicazione che attualmente non mostrano annunci pubblicitari. La domanda sorge spontanea: come reagiranno i possessori di iPhone o iPad? Ai posteri l’ardua sentenza.