Apple grazie agli abbonamenti su App Store sorpassa Android

Non sono tempi facili per Android, i guadagni di Apple sono infatti molto più alti grazie alla elevata scelta di abbonamenti presenti su App Store.

Apple Store George Floyd
Insegna di un Apple Store (Foto from Pixabay)

Nonostante nel terzo trimestre 2020 la crescita degli abbonamenti del Google Play Store (+42%) sia stata più alta di quella del suo acerrimo rivale (+32% ), i guadagni su App Store sono andati nettamente meglio: 10,3 miliardi di dollari contro i 2,7 miliardi generati da Android. (Dati confrontati con lo stesso periodo del 2019).

Secondo Sensor Tower (uno dei migliori strumenti di App Store Optimization in circolazione), il contesto storico di emergenza sanitaria che il mondo sta di recente attraversando ha esercitato un ruolo non indifferente nel campo degli scaricamenti.

Con maggior tempo da passare in casa, trascorso sui vari device, i consumatori hanno cambiato le loro abitudini e questo ha avuto un impatto positivo sull’intero settore.

È stato stimato che gli abbonamenti alle app che non comprendano giochi abbia avuto una crescita, nel 2020, pari al +34% rispetto al 2019. Questo si traduce in un fatturato su entrambe le piattaforme di circa 13 milioni di dollari.

Visto questo aumento esponenziale, gli analisti prevedono che in futuro molti più sviluppatori ed editor sceglieranno di introdurre una qualche formula di abbonamento.

Ma quali sono le app in abbonamento più scaricate sugli store di Apple e Android?

Play Store (Adobe)

Sensor Tower ha esaminato gli abbonamenti ad applicazioni – che non siano videogiochi – stilando una lista delle 100 app più scaricate in questo appena passato anno 2020.

Di queste, le prime 10 sono state: You Tube, Tinder, Disney+, Pandora, Bumble, Hulu, HBO Max, You Tube Music, ESPN e, ultimo della lista. Amazon Music. Molte di queste si trovano anche nella top ten di Google Store.

LEGGI ANCHE >>> Chrome per iOS, in arrivo l’aggiornamento: ci sarà un’incredibile novità

Una delle ultime novità, introdotta da Cupertino e che sta riscuotendo successo, è l’abbonamento all-inclusive Apple One. Esso consiste in un solo abbonamento che riunisce tutti i servizi che gli utenti in passato erano costretti a pagare singolarmente.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Google, Play Store si aggiorna: confronto tra app in arrivo

Ovviamente il costo del “pacchetto” risulta essere molto più conveniente e i consumatori hanno accolto la novità con assoluto interesse, preferendo l’abbonamento multiplo ai singoli.

Da tenere in forte considerazione, nel conteggio globale dei fatturati, ci sono però anche gli scaricamenti di videogiochi, che elevano il guadagno anche attraverso gli acquisti in app.