Android 13, una nuova modalità in arrivo per Android TV 13. Tutto quello che c’è da sapere

Sono in molti a pensare che il nuovo aggiornamento di Android sarà il più importante degli ultimi anni, addirittura più di Android 12, la dodicesima major release e diciannovesima versione del sistema operativo per dispositivi mobili marchiati dal Robottino Verde.

Android 13 20220418 cell
Android 13 – Adobe Stock

Android 13 è considerato un aggiornamento del sistema operativo piuttosto importante, oggetto di studi e indiscrezioni da parte di molti, anche perché, parallelamente si sta sviluppando un altro aggiornamento del sistema operativo, basato su Android 13, sarà per Android TV.

Android TV è il sistema operativo che alimenta una montagna di dispositivi di streaming multimediale, tra cui NVIDIA Shield e Chromecast con Google TV.

Android TV 13, una nuova e innovativa modalità: standby a basso consumo

Android Tv 20220418 cell
Android Tv – Adobe Stock

Già con Android TV 12 è stato compiuto un bel passo avanti rispetto ad Android TV 11: ha offerto alcune nuove funzionalità e miglioramenti alquanto rilevanti, portando l’interfaccia utente ridisegnata, introducendo il supporto per il rendering dell’interfaccia utente 4K, senza dimenticare il cambio dinamico della frequenza di aggiornamento. Ma il sistema operativo migliore è sempre quello che deve venire.

Una delle prime funzionalità di Android TV 13 dovrebbe essere la tanto nuova quanto innovativa modalità “standby a basso consumo”. Come notato da Esper, la funzione principale della modalità “standby a basso consumo” è quella di porre restrizioni alle applicazioni mentre il dispositivo è in modalità standby.

Così, mentre questa modalità è attiva, i wakelock sono disabilitati e l’accesso alla rete è bloccato. Queste restrizioni vengono temporaneamente revocate durante le finestre di manutenzione sospese. Data la natura di Android TV, questa è una funzionalità che ha molto senso e davvero performante

Gli utenti, infatti, non si preoccupano molto delle notifiche sui loro televisori, soprattutto se lo schermo TV è spento. È disabilitato per impostazione predefinita quando non viene utilizzato su Android TV.

L’anno scorso, Android TV 12 è arrivato sui dispositivi un mese dopo il lancio di Android 12. Ci si aspettava una specie di sequenza temporale nel segno della continuità, è dovrebbe essere così anche questa volta, con un ulteriore miglioramento delle performance, ma ci vorrà ancora un po’ prima che gli OEM la distribuiscano ai loro dispositivi.

Ad esempio, NVIDIA in realtà ha completamente saltato l’aggiornamento di Android 10, passando invece direttamente da Android 9 ad Android 11. Bisognerà aspettare e vedere: questa funzionalità potrebbe far risparmiare anche un po’ di energia, il che di questi tempi è sempre, sempre, una gran bella notizia.