Android 13 DP1 accompagnato da una misteriosa nuova app per la fotocamera

Android 13 DP1 è finalmente disponibile, sebbene con poche modifiche. Gli esperti hanno notato la presenza di una misteriosa app per la fotocamera

Google ha ufficialmente rilasciato la prima versione per developer di Android 13. Almeno stando a quanto rivelato fino ad ora, ci sono veramente poche novità e non di particolare rilevanza. Se non per un’applicazione in particolare, tutta nuova e dedicata alla fotocamera.

android 13 20220212 cellulari.it
Spunta un’app misteriosa all’interno della prima build per developer di Android 13 (Unsplash)

Si chiama Camera Obfuscator e risulta essere preinstallata su alcuni dispositivi, incluso il Pixel 6 di Google. Al momento non si sa bene a cosa servirà, ma pare sia destinata ad essere per uso interno di Google quando si condividono foto con amici e familiari da dispositivi del 2017 e successivi. C’è un collegamento con più informazioni che porta ad una pagina interna di Google, a cui non si può però accedere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Concorso Ferrero Rocher di San Valentino, occhio alla truffa su WhatsApp

Camera Obfuscator su Android 13 DP1, di cosa si tratta

android 13 20220212 cellulari.it
Si chiama Camera Obfuscator e pare serva per nascondere informazioni e dati da una determinata immagine (Screenshot AndroidPolice)

Stando a quanto spiegato da Merriam Webster, Camera Obfuscator dovrebbe essere una funzionalità pensata per nascondere i dettagli della fotocamera con Android 13. L’app dovrebbe descrivere il flusso di lavoro, essere in grado di aprire le immagini e offuscare foto condivise. Dai test effettuati, risulta che vengano rimossi tutti i metadati dall’immagine, ma le modifiche potrebbero in realtà essere più profonde. I JPEG sono infatti ad oggi contenitori per tutti gli altri tipi di dati, ma presto qualcosa potrebbe cambiare.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Anche Vodafone mette in vendita i Samsung Galaxy S22: prezzi e rate

Almeno per il momento, comunque, l’app non si trova su tutti i device. C’è per esempio su Pixel 6, ma non su Pixel 4 o Pixel 4a 5G. Non è da escludere che la sua inclusione sia stata accidentale. Può infatti essere che il software non sia legato in senso stretto ad Android 13. L’esperto Mishaal Rahman ha rivelato che già in passato era stato utilizzato internamente, senza spedirlo però nella build di produzione.