Android 12, brutte notizie per molti utenti: arriverà più tardi del previsto

Dopo il primo rollout, in questi mesi si sta completando il rilascio di Android 12 su tutti gli smartphone compatibili. Ma ci sono brutte notizie

Ormai lo scorso ottobre, Google ha rilasciato Android 12 per i suoi Pixel 6 e 6 Pro. Col passare delle settimane, anche gli altri grandi produttori di smartphone che montano il sistema operativo di Big G stanno procedendo con i rilasci. Tra versioni riviste e interfacce personalizzate, per molti utenti ci sarà ancora da attendere.

android 12 20220129 cellulari.it
L’aggiornamento ad Android 12 potrebbe tardare per molte OEM (Unsplash)

Probabilmente anche più del previsto. Alcuni brand, infatti, stanno avendo diverse problematiche legate all’adattamento delle loro funzioni esclusive all’interno dell’interfaccia pensata da Google per il suo software. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Il Metaverso convince anche Goldman Sachs: “un’opportunità da 8 trilioni di dollari”

Android 12, quali smartphone dovranno ancora attendere

android 12 20220129 cellulari.it
Un allungamento delle tempistiche che sta spazientendo sempre di più i consumatori di tutto il mondo. Ecco cosa sta succedendo (Unsplash)

Un cambio di rotta rispetto allo scorso anno, quando venne rilasciato un documento ufficiale con tutte le date di rilascio di Android 12 OEM per OEM. Quest’anno ci sarà ancora da attendere, con tempistiche non definite. Solamente Samsung ha dettato le linee del rollout, con una roadmap resa già pubblica. Ma quanto bisognerà ancora attendere prima di poter usufruire del sistema operativo aggiornato di Google? OPPO sta lavorando principalmente ai suoi device venduti in Asia, per poi passare a quelli europei e americani. Discorso simile per Xiaomi, che sta suddividendo le sue versioni della MIUI in altrettante versioni di Android.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Samsung renderà più veloci gli aggiornamenti in Europa: cosa dovrebbe cambiare

Basti pensare alla MIUI 13 che, come già annunciato dall’azienda stessa, verrà suddivisa in smartphone che potranno scaricarla e altri che invece dovranno farne a meno (per via della versione di Android di cui dispongono). Un ritardo che inizia a spazientire gli utenti, considerando che il primo rilascio è avvenuto lo scorso autunno per i Pixel 6 e 6 Pro. Il rischio è che i consumatori decidano di muoversi proprio in base al rilascio degli aggiornamenti, facendo perdere quote di mercato anche ad OEM famose in tutto il mondo.