5G, il 5 luglio si avvicina: monito Stati Uniti per le compagnie aeree sulle implementazioni wireless

Per il momento è un’esortazione. Un monito verso le compagnie aeree, decise ad ampliare il 5G, a muoversi rapidamente per affrontare i rischi di tali azioni, nel tentativo di evitare potenziali interruzioni negli aeroporti chiave dal mese prossimo.

Verizon 20220618 cell
Verizon – Adobe Stock

Il 5 luglio, la data entro la quale i colossi AT&T e Verizon hanno deciso di posticipare l’accensione di alcune torri wireless, si avvicina. E la Federal Aviation Administration, nota con la sigla FAA, l’agenzia del Dipartimento dei Trasporti statunitense incaricata di regolare e sovrintendere a ogni aspetto riguardante l’aviazione civile negli States e nelle acque internazionali circostanti, mette tutti in guardia. Attenzione con l’implementazione.

L’amministratore ad interim della FAA, Billy Nolen, ha dichiarato in una lettera recensita da Reuters che AT&T e Verizon vogliono potenziare i servizi 5G in banda C in alcuni aeroporti a partire da luglio dopo aver precedentemente ritardato il loro lancio.

Alcuni aerei potrebbero non essere in grado di accedere a certi aeroporti

5G 202200617 cell
Antennone 5G – Adobe Stock

La preoccupazione che il servizio 5G possa interferire con gli altimetri degli aerei, che forniscono dati sull’altezza di un aereo dal suolo e sono cruciali per l’atterraggio in caso di maltempo, ha portato a interruzioni in alcuni aeroporti statunitensi all’inizio di quest’anno, come rivela la CNBC.

Nolen ha esortato, appunto, le compagnie aeree a portare avanti urgentemente il retrofit dei radioaltimetri, affermando che “non ci sono garanzie che tutti i grandi mercati manterranno la corrente”. Il numero uno della FAA ha avvertito che poiché i vettori wireless aumentano i segnali, alcuni “aeromobili meno capaci” potrebbero non essere in grado di accedere ad alcuni aeroporti senza adattamenti dell’altimetro: un aspetto non di poco conto, che lede la sicurezza di aerei e aeroporti, in nome del tanto osannato 5G.

La diatriba, dunque, continua visto che gli amministratori delegati delle compagnie aeree avevano avvertito di un’imminente crisi “catastrofica” dell’aviazione, lo scorso 17 gennaio, che avrebbe potuto bloccare quasi tutto il traffico a causa del dispiegamento del 5G.

Sotto la pressione della Casa Bianca, nonché alcuni giorni dopo, AT&T e Verizon hanno deciso di ritardare fino al 5 luglio, appunto, l’accensione di alcune torri wireless e il depotenziamento di altre vicino agli aeroporti poche ore prima del previsto dispiegamento del 19 gennaio. Quella data, ha scritto Nolen in settimana “si avvicina rapidamente”.

Negli ultimi mesi, la FAA più volte ha esortato le compagnie aeree a completare il retrofit di alcuni radioaltimetri di aeroplani che potrebbero subire interferenze dal servizio wireless C-Band 5G entro la fine del 2022.

Verizon e AT&T, comunque, intendono perseguire un lancio completo delle loro reti entro la fine del 2023. A ruota altre 19 società. Airlines for America, un gruppo commerciale del settore che rappresenta American Airlines, Delta Air Lines, United Airlines, ma anche altri, sono dell’avviso che il settore ha riconosciuto la necessità di “implementare una soluzione permanente, pur continuando a garantire il massimo livello di sicurezza”.