Zuckerberg denunciato: Whatsapp, Facebook e Instagram nel mirino dell’Antitrust

Zuckerberg denunciato dall’Antitrust, il noto e giovane milionario americano è in questo momento in un momento molto delicato.

Quello che Mark Zuckerberg ha creato negli ultimi anni è un qualcosa di incredibile. Parliamo infatti di un colosso nel settore tecnologico e web che non ha eguali. L’uomo, infatti, tira le fila dei tre social network più apprezzati e usati al mondo: Facebook, Whatsapp e Instagram. Dopo la fondazione del social blu, infatti, la ricchezza personale dell’uomo è aumentata e il suo potere ha subito un’asce fortissima, che lo ha portato ad espandersi con forza. E ciò ha creato un circolo vizioso che ha ingigantito sempre di più la sua macchina tecnologica.

LEGGI ANCHE —> Alien, il nuovo virus che prende il controllo del vostro smartphone

Zuckerberg denunciato: Whatsapp, Facebook e Instagram nel mirino dell’Antitrust

In questo momento, però, tutto quello che è stato costruito da Zuckerberg è in serio politico. L’uomo è stato infatti denunciato dall’Antitrust degli Stati Uniti d’America con l’accusa di comportamento sleale e della creazione di un trust, appunto, che non permetterebbe la libera concorrenza. A finire sotto il mirino è il modo in cui i suoi social networks, quindi Facebook, Whatsapp e Instagram, osservano e profilano i dati e le preferenze degli utenti, creando quindi degli annunci appositi e la pubblicità su misura. Ai danni dei marchi che non sono dentro questa cerchia di colossi enormi e che non possono permettersi quindi la pubblicità e la profilazione degli utenti per accrescere le vendite.

LEGGI ANCHE —> Android, problemi per alcuni smartphone: diversi siti non funzioneranno più