WindTre contro le truffe che prosciugano il credito: importanti modifiche dal primo gennaio

Attraverso un comunicato nell’apposita pagina WindTre informa del sito ufficiale, l’operatore unico ha voluto annunciare nuove imminenti modifiche riguardanti i servizi VAS. Ecco cosa cambia dal prossimo 1 gennaio per i clienti del gestore

WindTre barring servizi a pagamento
Nuove modifiche disposte da WindTre per tutti gli abbonati (AdobeStock)

Sono ormai molteplici le “trappole” adescate furbescamente contro i consumatori, e non ci riferiamo soltanto agli attacchi phishing veicolati tramite SMS o email. Per diverso tempo ha tenuto banco il fenomeno dei servizi premium in abbonamento attivati senza alcun consenso dell’utente: si tratta di pacchetti dal costo salatissimo e con effetti certamente dirompenti sul credito residuo della propria scheda telefonica.

Fortunatamente, tale piaga è andata scemando negli ultimi anni, grazie all’intervento dell’AGCOM dello scorso febbraio e all’intervento sinergico dei principali operatori. In quest’ottica vogliamo segnalare l’iniziativa ufficializzata da WindTre nelle ultime ore e cristallizzata all’interno della pagina del suo sito ufficiale relativa alle comunicazioni rivolte agli abbonati. In buona sostanza, l’operatore unico ha precisato che i servizi VAS in abbonamento non saranno più attivi sulla rete, indicando come data di riferimento per le modifiche il primo gennaio 2022.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> POCO F4 Pro non ha più segreti: la scheda tecnica anticipata da un dettaglio strategico

Le modifiche di WindTre dal primo gennaio 2022 e i servizi esclusi dal barring

WindTre barring servizi a pagamento
Esclusi dalla modifica i servizi affidabili e sicuri, come gli SMS bancari, il televoto e le donazioni (Unsplash)

Tale mossa fa ovviamente da contraltare con una diversa libera indicazione contrattuale espressa dal cliente: chiunque lo desidera, potrà infatti richiedere in qualunque momento e in modo gratuito il de-barring dei servizi VAS, rimuovendo così i blocchi preventivi disposti dall’operatore unico e perciò potendo fruire di tali prestazioni in abbonamento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Black Friday, è tempo di bilanci: questa è stata l’offerta più conveniente di tutte

WindTre era già intervenuta sulla “questione” dei servizi premium in abbonamento, disponendo il barring di default su tutte le schede SIM attivate dal 18 ottobre 2020. Il blocco dei servizi VAS non è comunque da intendersi come generalizzato, dal momento che esistono alcune numerazioni totalmente escluse dalle restrizioni, vuoi perché sicure o perché afferenti servizi o prestazioni generalmente richiesti dagli utenti: il rimando va soprattutto agli SMS bancari, al televoto, alle donazioni, gli SMS di charity su numerazione 455 e i servizi di Mobile Ticketing e/o Parking.