WhatsApp, in arrivo foto e video che si autodistruggono

whatsapp expiring media
(Pixabay)

WhatsApp sta testando una funzione degna Tom Cruise in Mission Impossible. Non solo Expiring Messages, la nuova feature ora si applica anche ai media condivisi. Nel corso dell’estate si erano rincorse le voci di una nuova funzione pronta a sbarcare su WhatsApp, i cosiddetti Expiring Messages. Ossia dei messaggi che si cancellano automaticamente dopo un intervallo di tempo prestabilito dall’utente che l’ha inviato.

Ora, come scoperto dal sito specializzato WaBetaInfo nella versione beta dell’app Android 2.20.201.1, emergono nuovi dettagli che ampliano il raggio di azione questa nuova opzione. Parliamo stavolta degli Expiring Media: foto e video pronti ad autodistruggersi non appena chi li ha ricevuti abbandona l’app. Vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> WhatsApp, la lista degli smartphone che non possono più utilizzarlo

WhatsApp, scoperti nell’ultima beta gli Expiring Media: di cosa si tratta

whatsapp expiring media
(wabetainfo.com)

Come possiamo vedere dagli screenshot diffusi dal portale specializzato in leak e rumors su WhatsApp, c’è un nuovo tasto dedicato proprio a questa nuova funzione. Premendolo si attiverà la modalità Expiring per i media caricati successivamente.

whatsapp expiring media
(wabetainfo.com)

Una volta inviato un allegato (foto, video, GIF) in questa modalità non ci sarà nessun conto alla rovescia da impostare. Semplicemente sparirà dalla chat non appena il ricevente lascerà la conversazione. Non ci saranno neanche avvisi testuali a sostituire il contenuto scaduto, come accade ad esempio quando si cancella manualmente un messaggio. Gli expiring media ad ogni modo saranno riconoscibili, con una presentazione grafica differente da quella dei contenuti classici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Facebook acquista Telegram, ennesima bufala che circola in Rete

whatsapp expiring media
(wabetainfo.com)

Si tratta al momento di una funzione in fase di test, per la quale non è ancora prevista una data di rilascio ufficiale né tantomeno una trasposizione sui dispositivi equipaggiati con iOS. La stessa versione beta nella quale è stata scoperta ne contiene solamente un’anteprima. Infine, altro aspetto importante, manca per ora un sistema di Screenshot Detection, in grado di capire se qualcuno sta provando a salvare l’immagine a scadenza per vie traverse. Non resta che aspettare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Lavarsi le mani con WatchOS 7, Apple e OMS in questa funzione