WhatsApp e bufale, attenzione al buono sconto Esselunga

Da qualche giorno gira su WhatsApp l’ennesima notizia falsa. Il buono sconto Esselunga è un falso, attenzione al messaggio

Ovviamente è una notizia del tutto falsa quella che gira su WhatsApp ultimamente. Si tratta di un buono sconto Esselunga dal valore di 500€. Si sa quanto l’app di messaggistica istantanea sia stata utile nei mesi precedenti, per non sentirsi soli durante la pandemia. 

Questa nuove esperienza ha portato le persone a vivere in un modo del tutto diverso, lontani dai propri affetti e dalla normalità di tutti i giorni. WA con le sue numerose funzioni come videochiamate, messaggi e tanto altro è riuscito a tenere uniti grazie ad un filo invisibile. 

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> LG lancia i modelli Rollable, Rainbow e Q83: quando dovrebbero uscire

WhatsApp e la truffa del buono sconto Esselunga

WhatsApp
WhatsApp messaggio (piaxabay)

Purtroppo però non mancano i truffatori, quegli utenti che trovano ogni tipo di occasione per approfittare dei più ignari. Il loro scopo è quello di diffondere nuove truffe o, molto più semplicemente, di alimentare il mondo delle fake news. 

L’ultima messa in circolazione è quella del buono Esselunga da 500 € offerto a tutti quelli che ne fanno richiesta. Si tratta di una notizia del tutto infondata. A parlarne è stata la stessa Esselunga smentendo il tutto tramite un comunicato ufficiale. 

Nello specifico, l’azienda, ha voluto sottolineare che negli ultimi giorni sono pervenute numerose segnalazioni riguardo al falso buono spesa. Ovviamente, un invio di messaggi privati, esula dal controllo da parte di Esselunga. Inoltre ha specificato che, eventuali concorsi, vengono diffusi esclusivamente attraverso i canali ufficiali dell’azienda.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Oppo pensa in grande: concept di un modello che si piega in tre – VIDEO

Inoltre aggiunge che lo scopo di queste fake news è quello di rubare informazioni degli utenti ignari o, in alcuni casi, di prelevare denaro in modo illecito. Infatti, molto spesso, si tratta di un messaggio che contiene un link dove si richiede di inserire tutti i dati personali. In definitiva un utente si iscrive involontariamente ad un servizio a pagamento che prevede l’addebito ti cifre da capogiro.