Italtex presenta “Virkill”, rivoluzionario tessuto anti-coronavirus

L’italiana Italtex toglie i veli ad un innovativo tessuto basato su nano-particelle di rame: si chiama Virkill e rappresenta un prezioso alleato per hotel, centri benessere e ristoranti.

Virkill tessuto anti-coronavirus
Virkill è il rivoluzionario tessuto anti-coronavirus brevettato da Italtex

Italtex tende la mano ai settori più colpiti dal coronavirus e mette in campo una soluzione che coniuga tecnologia e sicurezza. Lo strumento ideato dall’azienda del Comasco prende il nome di “Virkill“, appellativo certamente non casuale se si guarda alle potenzialità dell’innovativo congegno: si tratta di un rivoluzionario tessuto in grado di uccidere il Covid-19, rispettando appieno i rigorosi standard del made in Italy. A beneficiarne saranno soprattutto hotel, centri benessere e ristoranti, grazie anche ad una varietà tipologica di prodotti studiati con l’ausilio di società patner per soddisfare le esigenze degli appena richiamati settori.

Come spiegato da Italtex, l’elemento distintivo di Virkill poggia sulle nano-particelle di rame, ossia un materiale che test di laboratorio condotti in Italia e Inghilterra hanno dimostrato esser molto efficace per contrastare le capacità virulente degli agenti patogeni. Attraverso un comunicato stampa, l’azienda di Cabiate afferma che l’inserimento dentro al tessuto di minuscole porzioni di rame costituisce un sostanziale elemento di differenziazione rispetto ad un più canonico trattamento antivirale superficiale, per l’appunto deteriorabile attraverso semplici lavaggi. Il congegno brevettato da Italtex non può insomma esser visibile all’occhio umano, ma avrà una efficacia dirompente per uccidere il Covid-19.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Smartphone LG a fine corsa? Lunedì giornata cruciale per il futuro

La collezione a base del tessuto Virkill

Virkill Italtex
Una linea di prodotti per soddisfare le esigenze dell’hotellerie, centri benessere e ristorazione

L’impegno del sodalizio lombardo assume peraltro una portata ancor più ragguardevole grazie a specifiche collaborazioni con tre società rigorosamente italiane. Più che restare su carta, lo sfruculiante progetto di Italtex è stato insomma tradotto in una vera e propria collezione strutturata secondo i paradigmi del tessuto Virkill. In particolare, la Maurel si è occupata di realizzare prodotti congegnati per soddisfare le esigenze dell’hotellerie (divise per camerieri e personale di sala, giacche per chef, uniformi per bartender, kimono per il personale della spa, copri lettino spa), mentre la Vefer e un noto calzaturificio del distretto di Parabiago hanno messo a punto rispettivamente copri guanciali, topper coprimaterasso e piumino copriletto, oltre che calzature e ciabattine da camera e per i centri benessere.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> 18app, è disponibile il Bonus Cultura: come richiedere 500 euro

L’amministratore delegato di Italtex, Alessandro Pedretti, mostra tutta la propria soddisfazione per il progetto Virkill, confermando per converso la buona fattura del tessuto: “si tratta di un prodotto in grado di resistere ad oltre cento lavaggi, oltre ad essere dermatologicamente testato per pelli sensibili e ipoallergenico“.