Violate le videocamere, video messi in vendita illegalmente

Violate le videocamere, degli hacker hanno messo online dei video privati, in cerca di acquirenti pronti a pagare cifre importanti.

Hacker cappuccio
Telecamere hackerate, i video in vendita online (Pixabay)

Nel 2021 il problema della privacy è sempre diffuso e sentito. Sono milioni coloro che ogni giorno non si sentono al sicuro, temono per la propria sfera privata, percepiscono di essere continuamente oggetto di osservazione. Ed è vero, con la tecnologia di cui ci circondiamo, che registra le nostre preferenze, salva la nostra cronologia, ascolta la nostra voce, ci fornisce pubblicità ed annunci pensati per noi. Siamo sempre più un prodotto, e per questo in tanti stanno anche cercando di allontanarsi dal mondo del web e delle tecnologie smart per poter finalmente vivere nel privato. Eppure anche loro non solo al sicuro, come dimostra quello che da poco è accaduto in Cina, con degli hacker che hanno deciso di rubare dozzine e dozzine di ore di registrazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Uomo su Marte entro il 2054, Nuwa accoglierà un milione di persone

Migliaia di registrazioni illegali in vendita

Hacker
Hacker (Pixabay)

Un fatto veramente gravissimo, che lede la libertà personale e il diritto alla privacy che è garantito ad ogni persona. In base al tipo di circuito violato e del tipo di immagini che sono state registrate e trafugate, gli hacker chiedono somme diverse. Si spazia dalle registrazioni all’aperto, per pochissimi soldi, fino ai video privati delle camere di albergo, che ovviamente contengono cose incredibilmente più private e compromettenti.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> PayPal come Tesla: sì ai pagamenti con criptovalute

Un mercato illegale di dimensioni enormi, che si muove sul web e sfugge continuamente alla polizia cinese, che sta concentrando tutte le sue forze per tentare di chiudere quanto prima questo giro illegale di registrazioni. Ci sono anche dei pacchetti che offrono la possibilità di guardare dei video in streaming, per spirare delle persine in diretta, e soddisfare le proprie più malate perversioni. Insomma, un giro losco e illegale, che ancora una volta ci fa porre degli interrogativi sulla sicurezza informatica.