UniPoste Mobile, promozione autunnale da 2.99 euro al mese

UniPoste Mobile Logo (via UniPoste)

UniPoste Mobile ha appena proposto una nuova promozione autunnale da appena 2.99 euro al mese. Ecco di cosa si tratta.

UniPoste Mobile non è certo un operatore che vi suonerà familiare. Parliamo infatti di un nuovo operatore, di tipo ATR (Air Time Reseller), Rivenditore di Traffico su Rete Mobile. Parliamo di un operatore che acquista del traffico dai grossi operatori per poi rivenderlo ai propri clienti. Non ci sono quindi infrastrutture di rete UniPoste Mobile, dato che si appoggia alla rete creata e proprietaria dell’operatore da cui acquista. L’operatore in questione è da poco tempo presente sul mercato italiano. Ora sta cercando di aumentare ovviamente la propria incidenza sul mercato con delle offerte molto aggressive, volte a farsi un nome sul grosso e complesso degli operatori mobili in Italia. Per questo ha lanciato una nuove offerta da appena 2.99 euro al mese.

LEGGI ANCHE —> ho. Mobile, nuova offerta a 6,99 euro al mese: inclusi minuti, SMS e Giga

UniPoste Mobile, promozione autunnale da 2.99 euro al mese

Per cercare di aumentare i propri clienti è ovvio che UniPoste Mobile voglia iniziare con prezzi molto bassi e accessibili. Un modo di fare che ricalca le orme di Iliad, sempre più amata e preferita dagli italiani che abbandonano altri operatori storici per passare con l’azienda francese. In particolare ad essere interessante è l’offerta Easy di UniPoste Mobile. Parliamo di un’offerta telefonica che concede a chi la sottoscrive 300 minuti di chiamate verso tutti, numeri mobile, fissi e nazionali. Poi 10 sms verso tutti i numeri nazionali e 2 Giga di traffico in 4G. Il tutto per appena 2.99 euro al mese.  Un’offerta interessante per coloro che vogliono fare un’offerta per non avere preoccupazioni ed essere certi di non sprecare denaro. Soprattutto in questo periodo di chiusure anticipate e sei-lockdown, dove a dominare sono i WiFi domestici.

LEGGI ANCHE —> Italia e 5G, governo blocca affare Huawei-Fastweb: pressioni dagli USA