Tutti pazzi per il fast Delivery: gli Speedy Gonzalez della spesa

Durante il lockdown erano praticamente un bene di prima necessità. Ora un servizio utile, una moda, uno stile di vita. La pandemia da Coronavirus ha letteralmente fatto esplodere i servizi di Delivery, o più semplicemente la consegna a domicilio: il cliente effettua l’ordine online, il servizio di consegna attiva il fattorino che raggiunge il ristorante del caso, preleva l’ordine e lo consegna al domicilio dell’utente. Et voilà, il servizio del momento è servito.

I rider, l'arma segreta dei fast Delivery (Adobe Stock)
I rider, l’arma segreta dei fast Delivery (Adobe Stock)

Nel corso degli ultimi mesi, i Delivery si sono evoluti, creando dei veri e propri Speedy Gonzalez della spesa, talmente rapidi da far concorrenza ai più famosi JustEat, Glovo e Deliveroo, costretti a migliorarsi, perché ora ci sono quelli che in una manciata di minuti (dieci, al massimo quindici) e l’ordine richiesto è già a casa tua. Wired ne ha individuati alcuni davvero interessanti.

Delivery, dal quick market ai magazzini di quartieri: tutti in massimo 15 minuti

Delivery, un settore in grande crescita (Adobe Stock)
Delivery, un settore in grande crescita (Adobe Stock)

“Tu sei veloce, ma noi di più”. E’ questo lo slogan del berlinese Gorillas. Nato dall’amore per il ciclismo e dal desiderio di portare il cambiamento, il Delivery tedesco, nato appena nel 2020, è già grande e sta ridefinendo il concetto di consegna a domicilio.

LEGGI ANCHE >>> Volantino MediaWorld, nuova doppia promozione da far perdere la testa

“Siamo persone audaci e autentiche, con uno spirito di squadra senza rivali e una mentalità vincente – si legge sul portale – siamo una delle startup in più rapida crescita in Europa. Fedeli al nostro bisogno di velocità, nel marzo 2021 siamo diventati l’azienda più veloce della Germania con una valutazione di un miliardo di dollari e un finanziamento totale di 305 milioni di euro raccolti”. Un punto di partenza per Kağan Sümer e Jörg Kattner, ideatori di Gorillas, ora presente in quesi 60 città europee, fra cui Milano. I rider si muovono con la bici elettrica e in 10 minuti ti portano a casa quello che desideri, con un costo di consegna relativamente basso, 1,80 euro.

LEGGI ANCHE >>> Android 12, fastidiose notifiche del sistema operativo: cosa causa il problema

A Milano è arrivato alla velocità della luce anche Blok, una startup nata su iniziativa di due ex manager di Glovo, Uber e Deliveroo: Vishal Verma e Hunab Moreno. Che allargaNO gli orizzonti con una proposta basata su una rete di “magazzini di quartiere”, una squadra di rider regolarmente assunti e una flotta di biciclette elettriche di proprietà per la consegna a domicilio. “Il settore del Delivery ha conosciuto un’ulteriore espansione, tanto da proiettare una crescita annua del 15% a livello globale. Numeri che promettono di far diventare il comparto davvero importante per le nostre economie. Noi Abbiamo creato Blok – dicono i co fondatori – per dimostrare che un approccio più orientato alla sostenibilità è non solo opportuno, ma anche lungimirante. Ci piace pensare a Blok come a un delivery di seconda generazione”.

Macai, infine, è un supermercato online. O meglio ancora, un quick market. L’idea è venuta ai fondatori di Mymenu, la startup-piattaforma che serve a domicilio i pasti di oltre 500 ristoranti di fascia medio-alta di Milano, ma anche altre cinque città: Brescia, Bologna, Modena, Padova e Verona. La consegna costa 1,90 euro ed è garantita entro 15 minuti, a tutto il resto (fino alle 22) ci pensano rider con biciclette elettriche. JustEat, Glovo e Deliveroo sono avvisati: è arrivato il momento di essere più veloci nelle consegne.