TikTok e i problemi di sicurezza con iOS: ecco cosa sta succedendo

Stando a quanto rivelato da uno studio di The Wrap, TikTok starebbe eludendo le protezioni sulla privacy di iOS. Ecco tutti i dettagli

Proseguono gli studi di The Wrap, che si stanno concentrando sul comportamento di TikTok all’interno di iOS. Stando a quanto emerso dai primi dati, pare che la piattaforma di ByteDance sia in grado di eludere le protezioni sulla privacy che Apple adotta. Ci sarebbe addirittura un accesso ai dati completi dell’utente.

tiktok 20220217 cellulari.it
Si torna a parlare di problemi legati alla privacy su TikTok (Adobe Stock)

È una situazione davvero così grave? A quanto pare no, o almeno non come si potrebbe pensare. TikTok utilizza un codice dinamico che ne altera lo stato, così da poter superare i test sul codice statico di Apple. Il metodo in questione non è nuovo, in quanto spesso gli sviluppatori se ne avvalgono per far sì che nessuna parte esterna riesca a decodificare l’applicazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Suoneria diversa per ogni contatto WhatsApp: ecco come fare in pochissimi passaggi

TikTok su iOS, tutta la verità sui presunti problemi di sicurezza

tiktok 20220217 cellulari.it
Ecco cosa è emerso in seguito agli studi portati avanti da The Wrap a riguardo. Il “problema” sembrerebbe già essere rientrato (Pixabay)

TikTok sfrutta librerie di sistema presenti su Android e iOS per dar vita alla struttura di base della piattaforma, sfruttando il codice proprietario dell’azienda per riuscire a trarne alcune informazioni. Si tratta di una metodologia adottata anche per le web app, sulle quali c’è meno controllo da parte di Google e di Apple. La stessa azienda ha tenuto a specificare che la sua applicazione utilizza librerie e strumenti di sistema per far funzionare al meglio il tutto.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Green Pass clonato: attenzione massima alla nuova truffa via SMS

E sul problema presunto della privacy, tutti i dati a cui ha accesso ByteDance sugli smartphone sono a portata limitata, rispettando le protezioni di iOS. Può per esempio tener traccia di quello che si fa sull’app, sulla visualizzazione media dei video e sui creator seguiti. Senza andare oltre e accedere ad informazioni sensibili come la cronologia di Safari o il portachiavi di iCloud.