TikTok svela l’ingrediente segreto del successo: l’AI dell’app è ora in vendita

L’AI di TikTok non sarà più un segreto: ByteDance venderà la tecnologia dell’app, incluso l’algoritmo di raccomandazione.

TikTok AI
(Unsplash)

La tecnologia che ha consentito da TikTok di raggiungere il miliardo di utenti attivi non sarà più segretamente custodita da ByteDance: la compagnia ha silenziosamente lanciato una nuova divisione, BytePlus, destinata alla vendita degli strumenti ed AI impiegati da TikTok. Il Financial Times ha riportato che BytePlus ha fatto il suo debutto lo scorso giugno con sede a Singapore, ed una presenza minore a Londra e Hong Kong.

BytePlus ha in vendita alcuna delle tecnologie basate su AI che muovono il meccanismo dell’app virale, tra cui strumenti per effetti in tempo reale, traduzione automatica, tecnologia di computer vision ed anche il celebre algoritmo che regola il suggerimento di contenuti. La compagnia ha intenzione di espandere il proprio mercato oltre la Cina e registrare dei marchi negli Stati Uniti, ma non è ancora certo se sia già presente sul suolo americano: tuttavia, secondo il sito web, i primi clienti sono WeGo, un sito di prenotazione per i viaggi di Singapore; Goat, l’app americana di shopping per moda e abbigliamento; e Chilibeli, una startup indonesiana per lo shopping online. Anche TikTok figura tra i clienti.

ByteDance non ha offerto alcun commento sui piani per BytePlus.

LEGGI ANCHE >>> Social media, un pericolo sociale sottovalutato: la scienza lancia l’allarme

TikTok entra in competizione con i giganti del Tech per la vendita di servizi AI

AI algoritmo di TikTok
Gli strumenti AI di TikTok potrebbero aiutare le startup a migliorare i propri servizi (Unsplash)

La mossa di ByteDance non è sconvolgente: anche se potrebbe ridurre almeno in parte l’unicità del funzionamento di TikTok, consentirebbe alla compagnia di competere con i giganti del tech come Amazon, Microsoft e tutte le altre aziende che vendono i propri strumenti alle imprese per ampliare il flusso di entrate e rispondere ad una domanda già consistente. TikTok, così come la sua controparte cinese Douyin, potrebbero raggiungere presto un plateu, e la vendita delle proprie tecnologie potrebbe mantenere attive le entrate e diversificarle.

L’algoritmo che “acchiappa” gli utenti e li fa continuare a scorrere la home dell’app grazie ai suggerimenti di video che potrebbero interessare non sarà forse più una prerogativa di TikTok, ma non solo: ad esempio, la tecnologia di computer vision permette di rilevare e tracciare 18 punti del corpo dalla testa ai piedi anche mentre l’ “oggetto”, l’utente, balla o si muove davanti alla videocamera dello smartphone, e potrebbe offrire un grande vantaggio alle applicazioni di moda e bellezza.

Il toolset di BytePlus entrerà in competizione con i servizi AI offerti da Amazon Web Services, Google, IBM, e Microsoft, ma anche in Cina, dove gruppi come Alibaba, Tencent e Baidu dominano il mercato.

LEGGI ANCHE >>> Xiaomi Mi 11 Lite sotto torchio: il bend test dà un risultato sorprendente