Tablet a fine corsa? Il settore è nuovamente in crisi, ma non mancano le eccezioni

Alcuni dati Canalys fotografano la decrescita del mercato dei tablet dopo il successo registrato in piena pandemia. Numeri in netto calo, tranne che per un’azienda (e non c’è da stupirsi)

tablet crisi ipad
Il crollo del mercato dei tablet (Unsplash)

L’emergenza pandemica ha risollevato il mercato dei tablet dopo diversi anni di stasi. La diffusione delle attività che incentivano la distanza, come lo smartworking e la didattica online, ha reso tali dispositivi sicuramente congegnali e versatili, complice anche la buona durata della batteria, uno schermo di qualità in molti casi superiore alla media dei notebook e una leggerezza pressoché invidiabile.

Ma ora che si sono allentate le maglie delle misure restrittive, il desiderio di acquisto di un nuovo tablet pare esser scemato in modo dirompente. Lo confermano i numeri pubblicati dall’analista Canalys, secondo il quale il numero di spedizioni dei dispositivi dallo schermo grande e dalla spiccata multimedialità sono diminuite drasticamente in tutta Europa rispetto al periodo del lockdown.

Secondo la fonte, la maggior parte dei principali produttori di tablet in Europa ha dovuto fare i conti con una flessione tra il 20 e il 53 percento, contraccolpo certamente significativo ora che svariati brand – tra cui Realme, tanto per citare l’ultima arrivata, ma anche Oppo e forse OnePlus – hanno deciso di tuffarsi in un mercato a loro sconosciuto.

LEGGI ANCHE>>>Android Auto ingrana finalmente la marcia: arriva una comodissima (e attesa) novità

Apple rimescola le carte: gli iPad vanno ancora fortissimo

tablet crisi ipad
iPad va in controtendenza, segnando ancora un bel balzo in avanti (Unsplash)

I numeri riportato da Canalys afferiscono al periodo temporale del terzo trimestre del 2021 e fanno da contraltare al successo degli iPad, tra i pochissimi tablet ad abbracciare un aumento delle vendite, con una crescita del 33% su base annua. Se Android piange Apple ride, verrebbe quasi da affermare, a testimonianza di come le strategie adottate dall’azienda statunitense – oltre che l’appeal caratterizzante intrinsecamente tutti i dispositivi della “mela” – hanno avuto la meglio rispetto ai vari brand che concorrono sotto l’unica bandiera del “robottino verde”.

LEGGI ANCHE>>>Il nuovo volantino Expert anticipa il Natale con tantissime offerte su smart TV e accessori

Se quindi i tablet Android hanno dovuto interrompere la loro corsa, per alcuni produttori la crisi sembra esser addirittura profonda: è il caso di Samsung, l’unica a subire il calo maggiore a fronte di una perdita del 53% su base annua. Secondo Canalys, il successo degli iPad può essere spiegato in due ragioni: il rinnovamento totale della line-up, che quest’anno ha coinvolto anche il modello Mini, e una buona gestione della supply chain, tenendo bilanciato l’equilibrio tra domanda e acquisto.