Smartphone Yahoo in arrivo, la scheda tecnica: ritorna la batteria removibile

Yahoo smartphone ZTE (via Yahoo)

Smartphone Yahoo in arrivo sul mercato, il colosso americano ha deciso di tuffarsi nel mondo dei cellulari.

Yahoo ha da poco compito il suo 26esimo anno di esistenza. Un record senza dubbio importante, figlio di un’oculata gestione e di un’innata capacità di prevedere i cambiamenti e stare al passo coi tempi. Nato come semplice browser creato dagli amici e studenti a David Filo e Jerry Yang nel 1994, ora è nelle mani del gruppo Verizon. Tutti hanno usato Yahoo durante la propria vita. Alcuni come browser di ricerca predefinito. Altri invece hanno sfruttato il forum ricco di domande della piattaforma Answers, che ha probabilmente reso la vita più facile a tanti studenti e cuochi prima che Youtube prendesse il sopravento con i tutorial. Oggi, però, la compagnia ha deciso di fare un ulteriore passo in avanti, lanciando addirittura il proprio smartphone. Il nome del dispositivo non è di certo facile da ricordare: Yahoo Mobile Zte Blade A3Y.

LEGGI ANCHE —> Compra uno Xiaomi su Amazon, a casa gli arriva una saponetta – FOTO

Smartphone Yahoo in arrivo, la scheda tecnica: ritorna la batteria rimovibile

Se il nome è complesso, il prezzo rimane inevitabilmente inciso nella mente. Parliamo infatti di uno smartphone da appena 50 euro. Per questo la scheda tecnica non è certo brillante. Lo schermo è un IPS da 5.45 pollici. Due soltanto le fotocamere, una sul retro da 8MP e una per i selfie da 5MP. Sotto la scocca in plastica un processore Mediatek Helio A22 di fascia bassa, con 2 GB di Ram e 32 GB di memoria espandibile. Interessante la batteria, che è di 2660mAh. Un taglio senza dubbio poco usuale, che diventa ancora più interessante se si pensa che sarà estraibile e quindi sostituibile. Una scelta di design che da anni sembra essere estinta. A costruite i dispositivi sarà il colosso cinese ZTE, che poi commercializzerà il tutto con il brand Yahoo.

LEGGI ANCHE —>  Samsung Galaxy S21, produzione già avviata? Le voci sul lancio anticipato