Samsung Galaxy Note20 sta deludendo: diminuita la produzione

samsung galaxy note
Samsung potrebbe dire addio ai Galaxy Note già dal 2021 (via Samsung)

Samsung Galaxy Note20 pare non star dando all’azienda della Corea del Sud i risultati sperati e per questo motivo è stata abbassata la produzione.

Il Samsung Galaxy Note20 è un modello di punta assoluta della casa della Corea del Sud, che da pochi mesi lo ha lanciato sul mercato. Parliamo di un dispositivo incredibile, che ha una sceda tecnica fenomenale. Lo schermo è un 6.7 pollici super AMOLED plus di qualità pregiata, con 394 ppi e 16 milioni di colori. La GPU è unaMali-G77 MP11 e la CPU un Exynos 990. A far muovere tutto sono 8GB di RAM e 256GB di memoria. La batteria è 4300mAh e la telecamera ha un sensore da 64MP. Il modello Samsung Galaxy Note20 ha invece una camera superiore. Il prezzo del modello base è di circa 900 euro, con le versioni superiori e 5G che arrivano anche a 1400 euro. Una cifra importante, che moltissime persone sembrano non essere intenzionate a pagare.

LEGGI ANCHE —> WhatsApp, svelato il trucco per leggere i messaggi eliminati

Samsung Galaxy Note20 sta deludendo: diminuita la produzione

Potrebbe essere il momento delicato legato all’epidemia di Covid-19 ad influire pesantemente sulle vendite di Samsung per quanto concerne questo modello. Stando alle ultime notizie riportate che circolano dall’Asia e i rapporti di M Science, che fanno riferimento a dei dati dell’azienda coreana, le vendite di Samsung Galaxy Note20 non stanno andando come ci si aspettava. L’azienda aveva programmato la costruzione di 900mila modelli, ma si è fermata dopo 600mila, per non inondare il mercato e correre il rischio di vedere svalutare il proprio prodotto. Vi consigliamo quindi di tenere gli occhi aperti, perché questo modello potrebbe anche andare in offerta nelle prossime settimane di saldi natalizi. Restate attenti e soprattutto continuate a seguirci per degli sconti importanti nel settore tech e della telefonia.

LEGGI ANCHE —>  Whatsapp, truffa da 250 euro: attenti a questi messaggi