Samsung, ecco Blockchain Wallet: come funziona

Samsung Electronics ha annunciato che gli utenti blockchain possono adesso gestire e scambiare risorse virtuali da portafogli di terze parti sugli smartphone Samsung Galaxy.

Blockchain (Adobe Stock)
Blockchain (Adobe Stock)

L’aggiornamento di fatto rende più facile per gli utenti blockchain accedere ed elaborare le transazioni, importando risorse virtuali archiviate su determinati portafogli hardware nel Samsung Blockchain Wallet, disponibile sulla maggior parte degli smartphone Galaxy.

Samsung Blockchain Wallet e la gestione delle risorse crittografiche

Samsung Galaxy (Adobe Stock)
Samsung Galaxy (Adobe Stock)

Il supporto per i portafogli hardware fornisce alla blockchain Galaxy un’esperienza meno complessa nella gestione delle risorse crittografiche, da un’unica comoda posizione. Oltre al Samsung Blockchain Keystore, gli smartphone Galaxy possono adesso connettersi a portafogli hardware, tra cui Ledger Nano S e Ledger Nano X.2.

LEGGI ANCHE >>> Xiaomi brevetta uno smartphone che fa anche da smart speaker 

Gli utenti Samsung Blockchain Wallet saranno anche in grado di tenere il passo con le ultime tendenze in ottica criptovaluta, con un newsfeed dedicato.

LEGGI ANCHE >>> Il Divin Codino si mostra col trailer ufficiale: le immagini – VIDEO

Dopo il lancio insieme al Galaxy S10 (era il 2019) il Samsung Blockchain Wallet è cresciuto per supportare alcune delle criptovalute più popolari: Bitcoin, Ethereum, token ERC, Tron (TRX) e token TRC. Consente inoltre agli utenti Galaxy di esplorare app decentralizzate (DApp) che utilizzano la tecnologia blockchain per autenticare lo scambio di risorse digitali. Dai giochi ai social media, dalla finanza, alla sicurezza e altro ancora, Samsung fornisce l’accesso alle ultime DApp e offre consigli agli utenti in una varietà di categorie.

Samsung mette a disposizione anche un sistema di chiavi private, utilizzate per criptovaluta e DApp. Queste sono crittografate e archiviate in un’area isolata dal sistema operativo principale chiamata Samsung Blockchain Keystore. Queste informazioni sono ulteriormente protette da un processore, accessibili soltanto fornendo il PIN o l’impronta digitale del proprietario della risorsa.

Samsung punta molto sul Blockchain Wallet, convinta che l’innovazione possa avvenire soltanto attraverso un approccio aperto e collaborativo, da qui l’apertura di una sorta di ecosistema blockchain, grazie a Samsung Blockchain SDK.

Gli sviluppatori possono creare DApp che generano, archiviano e gestiscono facilmente account blockchain ed elaborano transazioni con API dedicate a ciascun sistema di registro. Fornisce inoltre API che consentono alle DApp di firmare in modo sicuro per i trasferimenti di risorse virtuali utilizzando portafogli hardware di terze parti.