Scoperti a rubare iPhone nel centro di smistamento DHL: arrestati

L’operazione “Last Delivery” ha portato all’arresto di quattro persone, scoperte ieri l’altro a rubare iPhone top di gamma nel centro di smistamento DHL sito a Carpiano.

iPhone DHL
La banda faceva parte di una cooperativa subappaltante presso il centro DHL di Carpiano (PixaBay)

Sono stati colti in flagrante, nel bel mezzo di quello che era ormai diventato un appuntamento fisso. Gli agenti della Polizia Postale hanno arrestato quattro persone nell’ambito dell’operazione ribattezzata “Last Delivery“. Più che garantire speditezza nel processo di consegne dei pacchi in carico di DHL, l’obiettivo degli uomini era in realtà diametralmente diverso: metter le mani su una ghiottissima refurtiva composta da oggetti di valore, quali dispositivi elettronici di ultimo grido e gioielli ordinati da malcapitati utenti.

POTREBBE INTERESSARTI>>>Bonus PC, cosa c’è da sapere: come funziona, attivazione e offerte

La denuncia di DHL

iPhone DHL rubati
I quattro uomini sono stati scoperti a rubare iPhone top di gamma (PixaBay)

La banda di quattro persone apparteneva a una cooperativa subappaltante impiegata dalla società di trasporti per dare manforte al centro di smistamento DHL a Carpiano, nel milanese. Nell’ultima loro “missione”, hanno agito nel cuore della notte, come prassi impone in questi casi, spacchettando il pallet di una spedizione di telefoni cellulari e prelevando il preziosissimo malloppo, nascosto poi dentro un borsone sapientemente ricondotto nelle autovetture personali. Un solo strumento – un comune taglierino – e tre semplici mosse per mettere sotto scacco i legittimi proprietari degli oggetti.

POTREBBE INTERESSARTI>>>La Francia vuol proteggere il clima: stop ai voli aerei brevi

Le perquisizioni disposte nelle abitazioni hanno fatto definitiva luce sul mistero della sparizione degli oggetti che imperversava sin da inizio anno: molteplici i prodotti rinvenuti, tra cui quattro iPhone di ultima generazione. Come si legge nella nota diramata in queste ore dalla Polizia Postale, l’operazione “Last Delivery” è stata sollecitata da una denuncia sporta dalla società DHL lo scorso 25 febbraio. Le indagini sono andate avanti a ritmo calzante, sino alla fragranza di reato consumata tra il 12 e il 13 aprile, che ha portato per l’appunto all’arresto della banda.