Rimodulazioni TIM, aumenta il costo di TIMVISION: il listino prezzi aggiornato

Brutte notizie per alcuni clienti TIM che hanno attivato il servizio TIMVISION. Sono entrate in vigore le rimodulazioni annunciate nei mesi scorsi

Uno dei servizi accessori più di successo che TIM mette a disposizione dei propri clienti è sicuramente TIMVISION. Con un sovrapprezzo rispetto al canone mensile per la rete fissa, l’operatore telefonico mette a disposizione alcune delle principali piattaforme di streaming (come Netflix e DAZN).

timvision 20220406 cellulari.it
TIM ha annunciato nuove rimodulazioni per ciò che riguarda alcuni dei suoi pacchetti TIMVISION (Adobe Stock)

Nei mesi scorsi, sono però arrivate brutte notizie in questo senso. Al fine di fornire un servizio sempre migliore e aggiornato, il provider ha deciso di applicare alcune rimodulazioni al canone mensile. I sovrapprezzi sono entrati in vigore lo scorso 1 aprile e vanno a riguardare un numero preciso di utenti abbonati.

Rimodulazioni TIM, tutte le modifiche pensate per TIMVISION

timvision 20220406 cellulari.it
Ecco tutte le modifiche entrate in vigore lo scorso 1 aprile 2022 (Adobe Stock)

I primi clienti di rete fissa TIM ad essere interessati dalla recente rimodulazione sono quelli che hanno attiva l’offerta TIMVISION Mondo Disney+ che, fino al 1 aprile 2022, pagavano 4,99 euro al mese. Con l’introduzione dei rincari, c’è stato un aumento di 3 euro al mese (IVA inclusa). Si parla dunque di un costo che sale a 7,99 euro. Si tratta comunque di una promo super conveniente, pensando che il solo piano mensile di Disney+ viene a costare 8,99 euro al mese. Anche solo il bundle TIMVISION standard con Disney+ costa 9,99 euro al mese, di più rispetto a Mondo Disney+.

Per ciò che riguarda Netflix, invece, sono ben quattro le rimodulazioni diverse che entrano in gioco questo mese. Ad essere interessati alcuni clienti con l’offerta TIMVISION Mondo Netflix, altri con la Mondo Intrattenimento e infine un numero ristretto che usufruisce dell’opzione Netflix Premium. In questo caso, i rincari sono giustificati da un “allineamento con le nuove condizioni di mercato”. In parole povere, una conseguenza degli aumenti imposti da Netflix nelle settimane passate.

Come al solito, c’è la possibilità di esercitare il diritto di recesso senza alcuna penale o costo di disattivazione. Ma c’è tempo solo fino al prossimo 30 aprile 2022 per darne comunicazione. Se dunque siete interessati dalla rimodulazione e non volete più usufruire di tali servizi, dovete già da ora accedere all’Area Clienti MyTIM, inviare una lettere, contattare il provider tramite PEC o chiamare il Servizio Clienti 187.