Restyling Google: cosa è cambiato nel Play Store

Una delle caratteristiche che contraddistingue il Play Store di Google è la sua accessibilità: si può entrare da smartphone o tablet, ma anche da web. Ed è proprio da qui che arrivano le novità da parte del colosso di Mountain View.

Google Play
Google Play

Il portale di Big G offre la possibilità di installare app da remoto, gestire metodi di pagamento e altro ancora. Tuttavia, è rimasto lo stesso da troppi anni, da qui la scelta di un restyling da parte dei californiani.

Apparentemente disponibile ora con una capacità molto limitata, il nuovo design di Google Play Store per il Web si basa molto sul design dell’app mobile. A prima vista, sembra proprio come l’app Play Store sui Chromebook. Continuità, dunque, sembra la parola d’ordine da parte del colosso di Mountain View, una continuità che fa rima con uniformità. Coerenza tra i client.

Installazione app da remoto, filtro, tutto nel segno del design

Google, la home page
Google, la home page

Il design aggiornato da Google mantiene le anteprime delle app, la possibilità di installare app da remoto e il supporto per film e libri insieme ad app e giochi. Sono anche chiaramente evidenti intestazioni di grandi dimensioni e anteprime video per i giochi, con l’elenco, ad esempio Minecraft, uno dei videogioco più di moda soprattutto fra i giovanissimi, che passa a una pagina più scura con un trailer di riproduzione automatica per il gioco.

LEGGI ANCHE >>> Google Messaggi e iMessage lavorano ad una partnership ricca di sorprese

C’è anche una nuova “scheda app” che mostra i grafici migliori, le app popolari e i filtri delle applicazioni stesse. Gli utenti adesso possono filtrare le applicazioni mostrate per tipo di dispositivo, inclusi smartphone, tablet, TV, Chromebook, orologio e auto.

LEGGI ANCHE >>> Motorola cala il poker all’insegna del risparmio: ecco quattro nuovi smartphone economici per tutte le tasche

Google at work, dunque. Non c’è ancora un facile accesso a questa nuova riprogettazione, poiché sembra essere implementata su uno switch lato server. Sembra che alcune varianti regionali del client web Play Store abbiano successo nell’abilitare il nuovo design, ma è ancora alla stregua di una lotteria.

L’informatore di 9to5google sembra sia riuscito a ottenere il client utilizzando il Play Store coreano, a cui è possibile accedere all’indirizzo play.google.com/store/apps?gl=kr. “Il nostro tiper è stato anche così gentile da fornire molti altri screenshot – si legge sul portale – che mostrano l’interfaccia di ricerca, gli elenchi dei film e altro ancora”.

Damien Wilde, sempre di 9to5google, sarebbe riuscito a far funzionare il progetto sul suo browser, utilizzando semplicemente una VPN. “Da qui possiamo vedere alcune delle impostazioni di gestione dell’account. Funzionalmente, sembra che il nuovo design del Play Store sul web sia alla pari con la sua passata iterazione”. Tutto da capire quando Google abbia intenzione di implementare il nuovo design del Play Store, ma di certo qualcosa sta cambiando.