Registro delle opposizioni, italiani multati all’improvviso | La motivazione è inaspettata

Uno strumento utilissimo e finalmente disponibile anche su rete mobile. Il Registro delle Opposizioni è diventato realtà, ma non mancano le problematiche sul suo funzionamento. Alcuni italiani stanno venendo multati, ecco perché

Finalmente è possibile dire addio alle fastidiose telefonate di marketing non desiderate. Da più di un mese, il Governo ha messo a disposizione dei cittadini residenti in Italia il Registro delle Opposizioni. Si tratta di un’opportunità in più per evitare di venire contattati dai call center se non espressamente richiesto.

registro opposizioni 20220904 cellulari.it
Il Registro delle Opposizioni continua a crescere e ha numeri sempre più importanti, ma ci sono alcune complicazioni in arrivo (Adobe Stock)

Basta accedere alla pagina dedicata, accedere con lo SPID personale ed inserire dati e numero di telefono. Ogni utente ha la possibilità di aggiungere fino a quattro recapiti telefonici e, successivamente alla verifica tramite chiamata, questi saranno inseriti – entro 14 giorni dalla richiesta – all’interno dell’elenco. Ma non mancano le polemiche, una in particolare che sta facendo discutere in questi ultimi giorni.

Registro delle opposizioni, scattano le prime multe per un motivo ben preciso

Almeno stando alle regole, il Registro delle Opposizioni dovrebbe garantire la totale “immunità” dalle fastidiose chiamate di telemarketing effettuate dai call center. Ma a quanto pare, non è sempre così.

registro opposizioni 20220904 cellulari.it
Si parla infatti già di multe per tutti gli operatori che non stanno rispettando la norma e continuano a contattare numeri iscritti nell’elenco (Adobe Stock)

Ci sono alcuni operatori che continuano ad effettuare telefonate anche a chi si è iscritto all’elenco. Una pratica ritenuta illegale, tanto che stanno scattando le prime multe. Come previsto inizialmente, già da questo mese inizieranno a partire le prime sanzioni per coloro che non hanno aggiornato l’elenco dei numeri in loro possesso.

E si parla di multe piuttosto salate, he possono arrivare fino al 4% del fatturato. A livello di valore complessivo, si parla di un valore che può raggiungere anche i 20 milioni di euro. Staremo a vedere se la situazione cambierà nelle prossime settimane o meno. Ai vari operatori di telemarketing è stato dato tempo proprio fino al mese di settembre per aggiornare i propri elenchi e rimuovere tutti quei numeri che sono stati iscritti all’interno del Registro delle Opposizioni. Intanto l’iniziativa continua ad avere un successo quasi inaspettato, considerando che – dal momento della sua entrata in vigore – sono già oltre due milioni gli iscritti. La media ogni settimana è di 100mila nuove iscrizioni, con i dati che sono destinati ad aumentare ancora col passare dei mesi.