Photomath, con la matematica l’app ottiene un sostanzioso finanziamento

L’app PhotoMath, divenuta un valido sostegno tra i banchi di scuola e non solo, ha raggiunto in piena pandemia il ragguardevole traguardo dei 220 milioni di download negli store e ottenuto un finanziamento da 23 milioni di dollari che reinvestirà sul miglioramento delle proprie tecnologie.

Photomath logo
Photomath logo (fonte: photomath.app)

L’app è stata creata da Damir Sabol – che è anche fondatore e proprietario della società PhotoMath – con l’intento di aiutare suo figlio, allora dodicenne, con i calcoli e le sottrazioni, come racconta lui stesso nell’intervista rilasciata al magazine dell’ACI.

Damir Sabol però non è nuovo all’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale per la creazione di applicazioni che aiutino nella vita di tutti i giorni. Aveva infatti creato, in precedenza, PhotoPay  software che dà la possibilità di effettuare pagamenti con gli smartphone.

Per la creazione di Photomath, Damir e il suo staff hanno sfruttato la stessa tecnologia di riconoscimento usata precedentemente, aggiungendo poi gli algoritmi per la risoluzione di problemi matematici.

Dal momento della sua nascita, nel 2014, ad oggi, l’applicazione è stata utilizzata con successo da insegnanti e studenti. Durante la Pandemia ha addirittura superato i 220 milioni di download nel mondo.

Un successo tale da riuscire ad ottenere un finanziamento da 23 milioni frutto di un “finanziamento di serie b”. Ossia quella tipologia di sostegno indirizzato alle aziende che hanno raggiunto determinati traguardi e non si trovano più in fase di “avvio”.

Sempre Sabol ha dichiarato a VentureBeat di aver intenzione di utilizzare i finanziamenti ricevuti sia per un ampliamento dell’organico, che per un ulteriore investimento sull’Intelligenza Artificiale in modo da poter dare a tutti gli studenti del mondo uno strumento sempre più all’avanguardia.

L’app Photomath può essere d’aiuto agli studenti?

Photomath riconoscimento calligrafico
Riconoscimento calligrafico in Photomath (fonte foto: photomath.app)

Nonostante la presenza di applicazioni molto simili, Photomath si differenzia per la possibilità di vedere tutti i passaggi eseguiti per la soluzione di un’operazione, con delle animazioni e delle spiegazioni passo passo, proprio come farebbe un’insegnante.

LEGGI ANCHE >>> Apple punta il dito contro le app truffa dell’Apple Store

Nell’app sono presenti anche grafici che aiutano a comprendere meglio le equazioni. Ad affiancare la “parte automatizzata” dell’app è presente una calcolatrice intelligente che permette di apportare modifiche manuali dopo aver scannerizzato l’operazione da risolvere. La funzione interna di scan, oltre ai testi stampati, riconosce la calligrafia tramite un sistema di ocr (optical character recognition).

Nel sito ufficiale si legge che l’applicazione è utile non solo agli studenti ma anche agli insegnanti, aiutando i ragazzi a rafforzare i concetti da loro spiegati in classe durante le lezioni.

POTREBBE INTERESSARTI >>> App hackerata, 2 milioni di utenti a rischio: cosa fare

Disponibile su iOS e Android, Photomath può esser scaricata gratuitamente ed è tradotta in 32 lingue. È prevista una versione Plus a pagamento che, partendo da un costo di 10,99 euro al mese, aggiunge la possibilità di avere aiuti più mirati.