Oppo Find X5 Pro, la fotocamera è frutto di un lavoro decennale di ricerca e sviluppo

Il cavallo di battaglia del nuovo Oppo Find X5 Pro è la NPU MariSilicon X, l’arma vincente della fotocamera di uno dei migliori smartphone 2022

Oppo si sta imponendo sul mercato degli smartphone come una delle aziende produttrici più innovative a livello globale e lo dimostrano alcune soluzioni tecnologiche innovative che ambiscono a migliorare il rapporto tra gli utenti e i loro dispositivi mobili. Dopo aver conquistato consensi con le sue tecnologie di ricarica rapida, il produttore asiatico ha rivolto nell’ultimo periodo la sua attenzione al comparto fotografico, segnando miglioramenti importanti con il Find X3 Pro e soprattutto l’ultimo flagship Find X5 Pro.

Oppo Find X5 Pro fotocamera MariSilicon X
Le potenzialità della fotocamera di Oppo Find X5 Pro (Screenshot Oppo)

Proprio il nuovo smartphone Android top di gamma Oppo rappresenta una summa di un lavoro di ricerca e sviluppo condotto dall’azienda cinese negli ultimi dieci anni ed emblematizzato dalla NPU MariSilicon X, le cui potenzialità tecnologiche in termini di Intelligenza Artificiale promettono scatti ragguardevolissimi sopratutto in quelle condizioni dove le fotocamere degli smartphone fanno più fatica, ossia in notturna.

Questo percorso parte da lontano e affonda le sue radici nel 2014, anno in cui il mercato mobile ha sperimentato i benefici della tecnologia pixel binning, vale a dire la combinazione del segnale raccolto da più pixel per ottenere immagini più nitide in condizioni di luce scarsa. Si è assistito poi all’ascesa dell’OIS e soprattutto della fotografia computazionale, di cui MariSilicon X si fa appunto ambasciatrice.

Oppo Find X5 Pro e l’impegno verso la fotografia computazionale

Oppo Find X5 Pro fotocamera MariSilicon X
La centralità di MariSilicon X (Screenshot Oppo)

In questo percorso di sviluppo del settore mobile, Oppo pone attenzione al 2019, anno in cui il produttore cinese ha sfruttato l’Intelligenza Artificiale per ridurre il rumore digitale e garantire il buon funzionamento delle modalità di scatto notturno e con multi-esposizione e riconoscimento del volto.

MariSilicon X è quindi il risultato di un percorso di studio e di affinamento e il produttore cinese ha voluto snocciolare qualche numero per dimostrare le potenzialità della sua NPU, in grado di eseguire fino a 18 trilioni di operazioni al secondo. Merita menzione anche la modalità 4K Ultra Night Video introdotta su Oppo Find X5 Pro, che combina appunto AIRN (Artificial Intelligence Noise Reduction) e 3DNR per ampliare la gamma cromatica dei video.

Per Oppo, MariSilicon X è quindi il punto di partenza di un impegno nel settore della fotografia computazionale sul quale il produttore cinese continuerà a investire nei prossimi anni.