Nintendo: Mario Kart portato nella realtà? Eccolo! VIDEO

Non sempre la realtà è direttamente proporzionata alla fantasia, all’immaginazione, ai videogiochi. Mario Kart, però, fa eccezione. Il sesto episodio della serie nata su Super Nintendo nel 1992 è stato “portato sulla terra” grazie a una geniale intuizione di Nintendo.

Nintendo Switch (Adobe Stock)
Nintendo Switch (Adobe Stock)

L’azienda giapponese specializzata nella produzione di videogiochi e console, considerata all’unanimità una delle più grandi compagnie del Giappone, ha lanciato un’auto R/C ufficiale da 100 dollari con tracce di realtà mista e un giro AR completo al Super Nintendo World del Giappone.

Nintendo: Ian Padgham e il circuito ispirato alla Fattoria Muu Muu

Super Mario Kart (Adobe Stock)
Super Mario Kart (Adobe Stock)

Così, al regista indipendente Ian Padgham è balenata un’idea geniale: guidare un tosaerba su un percorso chiuso, dalla prospettiva di un drone che vola da solo.

LEGGI ANCHE >>> Miglior operatore in Italia, svolta al primo posto: la classifica completa

Attenzione, non che stia effettivamente giocando, come si evince da un video postato su YouTube da circa 70mila visualizzazioni: Padgham ha impostato il suo drone Skydio per filmare un normale video. “Il filmato stesso era già abbastanza stabile – spiega il regista a The Vergesono stato in grado di prenderlo in After Effects e Cinema 4D, tracciare e creare una mappa topografica della proprietà, dopo di che era solo questione di inventare idee, creare risorse, personaggi, e mettere tutto insieme“.

LEGGI ANCHE >>> Gli Uffizi contro blogger ed influencer? Interviene l’ufficio stampa

I visori per la realtà mista, come i Microsoft Hololens, hanno ripetutamente e in modo convincente sovrapposto la CG al mondo reale, in tempo reale, potrebbero certamente trasformare la realtà in Mario Kart dal punto di vista di un drone. Anche i droni come lo Skydio 2 hanno una potenza di elaborazione sorprendente.

Il risultato è un circuito chiaramente ispirato alla Fattoria Muu Muu, con tanto di musica a tema, cagnacci in agguato, oggetti, bucce di banana, rampe per sfruttare al meglio i boost garantiti dai funghi, miniturbo commentati dalle onomatopee come su Nintendo 64, gusci assassini e chi più ne ha più ne metta.

Il finale a effetto è dato dalla sua sorprendente semplicità, perché non c’è nessun finale a effetto: niente guscio spinato a un passo dal traguardo. Al regista indipendente Ian Padgham piace vincere, facile: senza ostacoli. Il video su Youtube dal titolo Mow-Rio Kart, how to play Mario Kart with a lawn mower & drone, è stato molto apprezzato