Meta ha già problemi di privacy: spiati gli account di 50.000 utenti

Iniziano a sorgere già i primi problemi per Meta, “evoluzione” di Facebook. Gli account di 50.000 utenti sono infatti stati spiati

meta 20211217 cellulari.it
Sono stati spiati gli account di oltre 50000 utenti su Facebook ed Instagram (Adobe Stock)

Qualche settimana fa, Mark Zuckerberg ha annunciato una vera e propria rivoluzione per ciò che riguarda il brand Facebook. Cambio di nome in Meta e, più in generale, focus totalizzante sulla tecnologia del metaverso. Tra discussioni, dubbi e curiosità, il futuro del social network più famoso del mondo presenta già le prime falle.

È stato infatti scoperto che gli account di ben 50.000 utenti iscritti a Facebook ed Instagram sono stati spiati da alcune società di sorveglianza. Ad essere coinvolte sono ben sette compagnie, con le malcapitate vittime dislocate in oltre 100 nazioni. La notizia è stata data proprio dall’azienda di Zuckerberg, a seguito di un’indagine che è andata avanti per anni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Pieghevoli, Samsung domina. Ma all’orizzonte ecco i competitor

Meta, spiati oltre 50.000 account tra Facebook e Instagram

meta 20211217 cellulari.it
Ecco cosa è stato rivelato dopo una recente indagine (Unsplash)
Sono state definite attività di “surveillance for-hire“, ossia compagnie pagate da terze parti che hanno spiato soggetti risultati scomodi. Tra questi, risultano giornalisti, oppositori di regimi autoritari e attivisti per diritti umani. Il tutto sfruttando alcuni software di riconoscimento facciale, oltre che algoritmi di analisi dei feed dei social, così da ricostruire i movimenti nello spazio e nel tempo. I gruppi di spionaggio in questione sono stati rimossi da Facebook ed Instagram, ma i problemi per Meta sono già sulla bocca di tutti.
Oltre alle agenzie stesse, poi, sono stati bloccati anche circa 1000 account di utenti e bot. Stando a quanto dichiarato dal Chief Security Officer di Meta Nathaniel Gleicher, è ormai da anni che l’attenzione media si concentra esclusivamente sugli hacker. Il campo di sorveglianza, però, lavora su una scala molto più larga. Non è chiaro se verranno rilasciate informazioni aggiuntive in merito nel corso delle prossime settimane, per un tema che attira sempre più l’attenzione del pubblico.