Meglio Google o Apple per la gestione dei dati? Gli utenti non hanno dubbi

La gestione dei dati è un tema sempre più delicato. Ma chi tra Google ed Apple infonde più sicurezza negli utenti? Lo svela un sondaggio

apple google 20211223 cellulari.it
Il Washington Post ha posto un questionario per capire se gli utenti si fidano più di Apple o di Google (Adobe Stock)

Soprattutto negli ultimi anni, uno dei temi più discussi è quello legato ai dati e alla loro gestione. Ormai ogni grande azienda ne fa uso per un motivo o per un altro. Che si tratti di strategia di marketing o di selezione di un determinato target, è impossibile farne a meno.

A tal proposito, il Washington Post ha voluto porre l’attenzione sulla disconnessione che moltissimi utenti provano tra le aziende di cui si fidano e i prodotti che utilizzano. Nel report, viene sottolineato il fatto che il consumatore medio utilizza iPhone ed iPad, fa acquisti su Amazon e passa il suo tempo su Instagram e su TikTok. Questo nonostante la fiducia nei confronti dei grandi marchi sia ai minimi storici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Novità in arrivo nell’app IO: annunciati tre nuovi servizi

Gli utenti americani si fidano più di Google che di Apple

apple google 20211223 cellulari.it
A sorpresa, per la gestione dei dati ha avuto la meglio Big G (Unsplash)

Ma il dato più sorprendente è quello che riguarda la fiducia che gli utenti americani pongono nei confronti di Google e di Apple, due delle principali aziende nel settore tech. Nonostante il colosso di Cupertino si concentri particolarmente sulla trasparenza e su una gestione dei dati sempre meno invasiva, il 40% degli intervistati ha dichiarato di non fidarsi dell’azienda. Il 44% si è invece posizionato sull’idea opposta, mentre il 16% ha preferito non rispondere. Si tratta di numeri inattesi e persino più bassi rispetto a quelli di Google, da anni al centro di polemiche proprio per la sua gestione dei big data.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Pixel 6, diversi utenti segnalano problemi allo schermo

Più in generale, il 50% del campione intervistato ha dichiarato di non fidarsi dei grandi colossi tech. Ma nonostante questo, non riesce a fare a meno di utilizzare i loro prodotti. Una logica conseguenza del percorso che da anni ha intrapreso l’intero settore.