L’elettrico sbarca definitivamente in italia: decine di novità approvate dal Governo

Stando a quanto emerso, è arrivato il via libera definitivo alla Camera per la conversione in legge di un nuovo decreto Mims, con diversi benefici dei quali potranno usufruire i cittadini. Ecco tutti i dettagli

Ancora novità in arrivo sul fronte Governo. Nel corso degli ultimi anni, sono stati messi a disposizione dei cittadini diversi bonus utilizzabili da determinate fasce di utenti, col fine di agevolare l’acquisto di prodotti e servizi utili. E non è ancora finita, a quanto pare. Secondo quanto si legge, infatti, a breve il decreto Mims verrà convertito in legge.

bici auto 20220808 cellulari.it
Il Governo sta pre far diventare legge il decreto Mims, con tantissime novità legate alla mobilità che diventeranno presto realtà (Adobe Stock)

Le novità previste riguarderanno diversi argomenti legati alla strada, come le bici a pedalata assistita e le macchine elettriche ad uso di persone con disabilità. Ma anche infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici, con una qualificazione giuridica.

Ecco cosa prevede il nuovo decreto Mims, che presto sarà legge

bici auto 20220808 cellulari.it
Ecco tutte le principali novità che arriveranno in Italia (Pixabay)

Sul tema è intervenuto il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini. Con la conversione in legge del decreto Mims, il secondo varato in poco più di dieci mesi, si rafforza ulteriormente il vasto insieme di riforme approvate negli ultimi 18 mesi e orientate a realizzare una trasformazione sistemica e integrata delle infrastrutture e dei sistemi di trasporto, in linea con le politiche europee del Green deal e l’impegno del Ministero per la sostenibilità e la riduzione delle disuguaglianze” le sue parole, alle quali ha aggiunto: “La legge è solo il punto di partenza di un percorso che dovrà portare l’Italia verso un modello di sviluppo sostenibile” le sue parole.

A livello di novità vere e proprie, le macchine elettriche ad uso di persone con disabilità potranno circolare anche nelle piste ciclabili. Le infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici avranno una qualificazione giuridica, anche per la collocazione vera e propria in strada. Per la mobilità dolce invece: “Viene previsto che le biciclette a pedalata assistita che vengono manomesse sono equiparate ai ciclomotori, con il conseguente assoggettamento agli obblighi previsti per questi ultimi (targa, assicurazione, patentino) e con la previsione di sanzioni specifiche per chi le modifica e chi le utilizza e che i velocipedi elettrici (biciclette e monopattini) sono inseriti nella classificazione dei veicoli per assicurare loro un inquadramento giuridico più chiaro” si legge nella nota.