La patente di guida sbarca su iPhone in formato digitale: ecco dove

Sarà possibile salvare la patente di guida in formato digitale e memorizzarla rapidamente sull’iPhone. Ecco dove e in che modo.

Salvare patente guida iPhone
iPhone (AdobeStock)

Tutti i documenti personali dentro a uno smartphone, con evidenti benefici in termini di immediatezza, conservazione e semplificazione. L’ultima idea della Germania chiama all’appello i possessori di iPhone, che proprio in queste ore avranno finalmente modo di archiviare in tutta sicurezza la propria patente di guida, trasformandola in un documento digitale accessibile in qualunque momento e a portata di click.

L’Ufficio federale dei trasporti e l’Ufficio federale della stampa hanno varato le linee guida in materia e la novità in questione sarà senza dubbio accolta positivamente dai cittadini, per quanto si tratti ancora di un progetto in stato embrionale e tutt’altro che definitivo. Lo dimostra soprattutto il mancato supporto degli smartphone Android, dettaglio quest’ultimo che dovrà esser evidentemente chiarito a stretto giro di posta, forte anche del più alto tasso d’utilizzo del sistema operativo mobile di Google.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Apple e Caviar insieme per gli iPhone 13 Pro e Pro Max più lussuosi e costosi di sempre

Salvare la patente di guida su iPhone: ecco l’ultima novità della Germania

Salvare patente guida iPhone
Decisivo l’ultimo aggiornamento dell’app governativa ID Wallet (AdobeStock)

Per salvare la patente di guida sull’iPhone occorrerà innanzitutto aver scaricato l’app istituzionale ID Wallet od aggiornarla all’ultima versione 1.6. La procedura è molto semplice e richiederà giusto un paio di tap sullo schermo: l’utente dovrà innanzitutto verificare la propria identità e la veridicità della patente di guida, dopodiché registrarla dentro allo smartphone.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> iOS 15, questa funzione abilitata di default può crearvi qualche imbarazzo

Manca ovviamente la sincronizzazione con il Wallet ufficiale di Apple (come d’altronde accade con molte altre app governative), ma in fondo si tratta di un passo in avanti piuttosto notevole se consideriamo la differente situazione in Italia. Con l’auspicio di poter sfruttare un’analoga procedura anche nel nostro territorio, coerentemente con quel progetto di rinnovamento e di trasformazione digitale avviato dal governo. Gli sviluppi di una tale aggiunta sarebbero d’altronde ragguardevolissimi, semplificando ad esempio le procedure di noleggio delle auto o dei check-in in albergo.