“Può interferire con i dispositivi cardiaci”: attenzione a questo prodotto Apple

Uno studio condotto dall’American Heart Association ha rivelato che questo dispositivo Apple può interferire con il funzionamento di peacemaker e defibrillatori impiantabili e comportare dei rischi per la salute: Attenzione a Magsafe, l’accessorio per la ricarica wireless per iPhone 12 e iPhone 12 Pro.

Magsafe pericoloso
Lo studio dell’American Heart Association mette in guardia sull’uso di Magsafe (Unsplash)

L’allineamento magnetico per la ricarica wireless è una tecnologia sempre più diffusa: MagSafe, il caricatore per iPhone 12 e iPhone 12 Pro di Apple, utilizza una serie di magneti per generare un’intensità di campo magnetico maggiore di 50 gauss (G). Il report iniziale dell’Heart Rhythm Journal è stato recentemente confermato dal Journal of American Heart Association, che ha riportato gli stessi risultati: lo studio ha rivelato che la vicinanza ad un iPhone 12 crea complicazioni nel funzionamento di dispositivi cardiaci impiantabili. Questo effetto è attivo soltanto quando si tiene l’iPhone acceso molto vicino all’impianto.

I magneti nei modelli della serie iPhone 12 e negli accessori MagSafe, che allineano le bobine di caricamento wireless e mantengono gli accessori attaccati al retro dell’iPhone, non sono abbastanza forti da causare problemi significativa nella maggior parte degli utenti: tuttavia, le persone con condizioni cardiache che richiedono l’impianto di peacemaker o defibrillatori possono correre dei rischi tenendo il proprio iPhone troppo vicino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Mitiga va in fuorigioco: l’app per tornare allo stadio bloccata dal Garante

I rischi di Apple MagSafe: i testi condotti

Magsafe Apple
Il dispositivo MagSafe in uso (Unsplash)

Il test è stato condotto utilizzando in particolare il modello iPhone 12 Pro Max, che è stato posizionato ripetutamente vicino a 11 diversi peacemaker e defibrillatori in due modalità: “in vivo“, ovvero con dispositivi cardiaci già impiantati nei pazienti che hanno partecipato allo studio, e “ex vivo“, ovvero dispositivi non ancora impiantati. L’interferenza con gli impianti varia a seconda del dispositivo: tuttavia, è stata riscontrata in tutti, indiscriminatamente.

L’iPhone 12 Pro Max attiva la modalità di inversione magnetica ad una distanza di 1,5cm: lo studio suggerisce quindi a tutti i pazienti cardiaci di consultare uno specialista per assicurare l’uso più corretto di ogni smartphone, e di non tenerlo troppo vicino.

Saranno necessari ulteriori studi per approfondire tutte le possibili problematiche, ma è consigliabile mantenere una distanza di almeno 15 centimetri dal proprio iPhone 12, come suggerisce anche Apple nel documento di supporto che ha aggiornato a gennaio 2021 con indicazioni sulla tutela della salute.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp, occhio alla bufala: quello che sembra un regalo è in realtà una truffa