Instagram sui passi di TikTok, non sanno più come rinnovarsi? | Utenti infuriati dalla scelta

A forze di seguire le orme del leader TikTok (il cui primato sta comunque per essere messo in discussione da BeReal), pensando di seguire la via maestra che porta al successo, Instagram è andato a sbattere addosso a un muro, contribuendo al peggior trimestre di Meta (il secondo) del 2022.

Instagram 20220730 cell
Instagram – Adobe Stock

Una petizione per “rendere di nuovo Instagram, Instagram” e impedire alla piattaforma di “cercare di essere come TikTok” è stata firmata da quasi 150.000 utenti, stufi di sperimentare funzionalità ispirate ai suoi rivali. La conferma che la strategia del social di maggiore spicco di Meta, è sbagliata.

Negli ultimi mesi, gli utenti di Instagram si sono lamentati di non essere più in grado di vedere i post dei loro amici, pur essendo sommersi da annunci e contenuti suggeriti. Molti sono nostalgici dei tempi in cui i loro feed di Insta non erano stati rilevati da

Reels, la funzione di video breve simile a TikTok dell’app

TikTok 20220730 cell
TikTok – Adobe Stock

Rivogliono il loro social. E lo chiedono a gran voce. Il mea culpa di Mosseri. E la sterzata di Instagram verso i video Instagram, nato nel 2010 come piattaforma di social media in cui condividere con i tuoi amici immagini filtrate da hipster, è ora un social molto diverso da quello che era prima che l’allora Facebook-now-Meta di Mark Zuckerberg lo acquisisse nel 2012.

Solo un anno dopo l’acquisizione dell’azienda, l’app ha introdotto post video. L’inizio del crollo. Già, perché ora la piattaforma offre la possibilità di condividere Storie, IGTV, Live e Reels, ma i feed degli utenti sono stati recentemente sopraffatti dai rulli suggeriti da profili che non seguono nemmeno, rendendo Instagram un po’ più simile a TikTok.

Molte di queste funzionalità video, introdotte per coinvolgere gli utenti di Instagram e attirare le nuove generazioni che si avvicinano al panorama dei social media, sono state “copiate” da funzionalità di successo di altre app esistenti. Anche le Storie di Instagram sono state direttamente “ispirate” da Snapchat, mentre i Reels sono stati adottati dai video di TikTok. Modifiche in qualche modo hanno tradito lo scopo principale dell’app e ciò che è piaciuto alla maggior parte degli utenti della piattaforma. Da qui un malumore serpeggiante fra gli utenti.

“Il successo di Instagram è in gran parte dovuto al fatto che in realtà non ha copiato il modo di fare le cose di altre app”. L’amara constatazione di Louise Watson-Dowell, Digital Strategy Director di Definition, una delle principali agenzie di PR B2B del Regno Unito, in uno stralcio di un’intervista a Euronews Next.

“Instagram era un app per la condivisione di foto, la prima a concentrarsi esclusivamente sulla condivisione delle immagini belle e stimolanti. A differenza di Facebook, non avevi bisogno di essere amico delle persone che seguivi e il contenuto era più evasivo di Twitter, meno professionale di LinkedIn”.

Per fortuna che Instagram sembra voler ascoltare l’accorato appello dei suoi utenti. Lo stesso amministratore delegato Mosseri fa mea culpa (“Ogni tanto è giusto sbagliare), sterza verso nuovi orizzonti. Il “nuovo” Instagram sarà incentrato sui video.

Stiamo testando le modifiche ai feed per riflettere l’importanza che video e messaggi avrebbero avuto nel futuro della piattaforma. Stiamo spostando Instagram in un luogo in cui i video sono una parte più importante dell’esperienza domestica“. Parola di ad.