Importare le chat di WhatsApp su Telegram: da oggi si può

Grazie ad un nuovo tool, è possibile importare tutte le proprie chat di WhatsApp direttamente su Telegram. Ecco cosa bisogna fare

whatsapp telegram
WhatsApp, da oggi è possibile importare le chat su Telegram (Pixabay)

L’esodo degli utenti di WhatsApp verso altre piattaforme di messaggistica continua. L’informativa sulla privacy aggiornata ha scatenato non poche polemiche, tanto che persino i garanti sulla privacy hanno deciso di intervenire per chiedere chiarezza. Tra le app che più stanno giovando di questo episodio, c’è sicuramente Telegram.

Dopo aver raggiunto numeri da record nelle ultime settimane, ora la piattaforma sta mettendo a disposizione un tool che potenzialmente rappresenta un’arma letale nei confronti di WhatsApp: la possibilità di trasferire tutte le chat. Rilasciato “per errore” su iOS, presto potrebbe arrivare in maniera definitiva sia su App Store che su Android. Ecco di cosa si tratta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Android Auto si aggiorna: cosa cambia per WhatsApp, Messenger e SMS

Come importare le chat di WhatsApp su Telegram

Ecco cosa bisogna fare (WABetaInfo)

Con la versione 7.4 per iOS, Telegram ha reso disponibile un tool per importare le chat di altre piattaforme di messaggistica, tra le quali figura anche WhatsApp. Ma come funziona? Basta aprire una singola conversazione sull’app e, tra le varie opzioni presenti nel menu a tendina, spunta anche “esporta chat”. Cliccandoci, si aprirà il classico menu di condivisione di iOS dove selezionare Telegram. Anche tutti i file multimediali faranno parte del pacchetto importato. Si passa poi all’app di destinazione, che chiederà all’utente dove depositare tutti i dati: in una chat esistente, in una nuova o in un gruppo.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Samsung Galaxy A02 è lo smartphone con super batteria: prezzo e caratteristiche

Questa nuova mossa potrebbe rappresentare un’arma letale nei confronti di WhatsApp, che da tempo è al centro di una bufera post nuova informativa sulla privacy. Nel corso delle prossime settimane, ci si aspetta che il tool arrivi in maniera definitiva anche su Android.