Huawei punta al 2021, primo tablet con HarmonyOS in arrivo

Non è un segreto che Huawei stia puntando forte sull’indipendenza da Android, affidandosi al suo nuovo sistema operativo proprietario HarmonyOS. Una mossa in parte dettata dalle sanzioni e limitazioni applicate dall’amministrazione americana. Un ecosistema di proprietà consente inoltre – Apple insegna – di sperimentare nuove funzioni ed implementarle in modo più rapido ed efficace, ottimizzando le prestazioni a 360°.

Il primo impatto con il nuovo HarmonyOS si avrà probabilmente all’inizio del nuovo anno, con il rilascio della serie P50, lo smartphone di punta del colosso cinese. Ma non solo, secondo le ultime indiscrezioni potrebbe debuttare sul mercato anche un tablet equipaggiato col nuovo software proprietario. Vediamo nel dettaglio cosa attendersi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> I dati degli utenti Spotify accessibili: richiesto il reset delle password

HarmonyOS, il sistema operativo di Huawei pronto a debuttare anche su tablet

harmonyos
(Pixabay)

Stando ai rumors di queste ore infatti ci sarebbe in cantiere, o meglio, in procinto di uscire, un tablet equipaggiato con il sistema operativo PadOS HongMeng, vale a dire il nome cinese di HarmonyOS. Ad alimentare il nuovo dispositivo – un tablet con display OLED da 12.9″ con fino a 120 Hz di frequenza di aggiornamento – potrebbe essere il chip Kirin 9000, prodotto dal colosso cinese e già apprezzato sulla gamma Mate 40. Un potenziale nuovo innesto dunque nella linea MatePad, un segmento che nel tempo ha conquistato numerosi consensi tra gli utenti.

POTREBBE INTERESSARTI LEGGERE ANCHE >>> Huawei Mate 40 Pro e il pulsante volume, torna fisico sul telaio

Il mancato accesso all’ecosistema Android e di conseguenza ai servizi offerti da Google, imposto dalle sanzioni americane, ha inevitabilmente dato una spinta notevole ai nuovi progetti di Huawei, fino ad arrivare al recente rilascio della versione 2.0 di HarmonyOS. Una novità sicuramente molto attesa nel panorama tecnologico, che porterà nel 2021 nuovi temi di confronto e nuovi “campi di battaglia” per tutti i produttori di smartphone e tablet.