Google Maps, arriva la Driving Mode: si potrà aggiornare Street View da-te

google maps
Google Maps, svelata nuova feature che arricchirà Street View (YouTube)

Novità in arrivo su Google Maps. In futuro, sarà possibile aggiornare Street View con i video dei propri viaggi

Tantissime le novità in programma su Google Maps. Il colosso di Mountain View ha tra le mani il servizio di navigazione più completo ed utilizzato al mondo, ma non sembra essere ancora soddisfatto di tutte le funzionalità già a disposizione. Gli sviluppatori stanno infatti lavorando ad una serie di migliorie che renderanno l’app ancor più completa e precisa.

Mentre stanno arrivando le nuove dettagliatissime mappe, Big G ha in programma anche la “Driving Mode”. Nello specifico, darà la possibilità di aggiornare le foto di Street View da-te. A svelare la feature inedita è stato un utente su Reddit, il quale ha poi pubblicato su YouTube un video che mostra l’esistenza di questa modalità. Ecco nello specifico come funziona.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Apple, MacOS Big Sur: annunciato nuovo sistema operativo

Google Maps, come aggiornare Street View da-te

Come sfruttare la “Driving Mode” (pixabay)

La nuova feature nascosta di Google Maps è stata svelata da un utente su Reddit, e potrebbe rendere Street View più completo e preciso che mai, in tutto il mondo. Montando il telefono sul cruscotto dell’auto e attivando la “Driving Mode”, infatti, è possibile registrare l’intera durata del viaggio e caricarla nel database online, senza bisogno di utilizzare fotocamera particolari a 360 gradi. Sarà poi compito di Big G sfocare tutti i volti e le targhe inquadrate.

In questo modo, sarà possibile contribuire da-te alla completezza di Google Maps e di Street View. La nuova funzione potrebbe rivelarsi fondamentale soprattutto nelle zone rurali, dove gli addetti Google non possono passare per scannerizzare l’ambiente circostante. Di seguito il video pubblicato su Reddit dall’utente _-J-G-_ che mostra come attivare l’opzione.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Apple, presentati MacBook Air, Mini e Pro: la potenza ha un prezzo