Google punta all’interazione cross-device con il programma Play Media Experience

Google investe sull’esperienza cross-device e lancia il programma Play Media Experience, un’occasione per gli sviluppatori in tutto il mondo.

Google Media Play Experience
(Unsplash)

Google ha annunciato con un post sul blog ufficiale il lancio globale del programma Play Media Experiences. L’iniziativa è pensata per gli sviluppatori di applicazioni in tutto il mondo, che avranno l’occasione di abilitare un’integrazione più profonda e completa su tutti i servizi e le piattaforme di Google nonché tra le applicazioni stesse. Android TV, Android Auto, i dispositivi Wear e molti altri saranno inclusi nel programma: le funzionalità dei device saranno estese per garantire un‘esperienza cross-device più funzionale per gli utenti Android.

Con Play, siamo contenti di aiutare gli sviluppatori ad ampliare i propri servizi oltre il mobile e su tutte i fattori di forma più importanti per gli utenti“, ha dichiarato la compagnia, che sembra prepararsi al lancio della nuova piattaforma unica per Wear OS atteso per la fine di quest’anno, ed aprire ad una maggiore interazione con i developer di terze parti per offrire un’esperienza utente più unificata e più fluida tra diversi device.

LEGGI ANCHE >>> iPhone 14 tra notizie e novità: Apple pensa già ai suoi futuri smartphone

Play Media Experience, tutti i dettagli del nuovo programma Google per gli sviluppatori

 

Google Play Media Experience
(Google.com)

Google ha offerto a lungo programmi e iniziative per la promozione di esperienze innovative sulla propria piattaforma: con Play Media Experience, i developers avranno nuove opportunità di scoperta ed interazione che riguarderanno principalmente il miglioramento di alcuni contenuti:

  • Video – contenuti video di alta qualità per la tv; richiede integrazioni con Android TV, Google TV e Google Cast
  • Audio – servizi di streaming di muisca ed audio che funzionino ovunque; richiede integrazione con Wear OS, Android Auto, Android TV e Google Cast
  • Libri – esperienza di lettura più fluida su schermi più grandi; esperienza ottimizzata per tablet, dispositivi pieghevoli, ed il nuovo Entertainment Space.

Il programma premuoverà la crescita degli sviluppatori su Play ed offre una tassa di servizio del 15% per la durata del programma, “per aiutare i developers a sviluppare esperienze premium“, diversa dalla tassa di servizio ridotta per sviluppatori che è a disposizione soprattutto dei developer più “piccoli”. Il programma sembra essere destinato principalmente alle compagnie più grandi.

Play Media Experience è disponibile ora, e gli sviluppatori interessati potranno visitare il sito web per consultare le linee guide ed i dettagli dell’adesione al programma.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp si allinea con Facebook e Instagram: la nuova funzione