Google Foto, in arrivo le etichette per i nuovi pulsanti

Finalmente le etichette tanto sognate, che danno un senso logico ai quei pulsanti di Google Foto che non avevano, finora, una spiegazione. Il colosso di Mountain View, infatti, rivela il significato delle novità presenti all’interno del player multimediale della famosissima applicazione.

Google Foto (Adobe Stock)
Google Foto (Adobe Stock)

Un’applicazione che rappresenta l’evoluzione di Picasa, un software grafico che permetteva di organizzare e modificare fotografie digitali e video e condividerli tramite un servizio di photosharing. Il programma, creato originariamente nel 2002 da Lifescape, è stato acquisito nel 2004 da Google, distribuito con licenza freeware.

Google Foto e la versione esplicativa v5.34

Google Foto, il logo (Adobe Stock)
Google Foto, il logo (Adobe Stock)

La novità è stata scoperta dal team di Android Police: ecco le etichette sulla versione esplicativa v5.34, grazie alle quali vengono spiegate le funzioni, accanto ai pulsanti. Sarà possibile, adesso, creare clip virali per i social grazie ad un editor video di nuova generazione.

LEGGI ANCHE >>> Un report mostra quali app sono meno virtuose in tema di privacy

Sospettiamo – si legge su Android Police – che le etichette saranno visibili anche altri dispositivi. Un cambiamento semplice e utile e saremmo sorpresi se in qualche modo scomparisse. Controlla il Play Store per l’ultimo aggiornamento o premi APK Mirror”.

LEGGI ANCHE >>> Problemi ho. Mobile, utenti inferociti: cosa sta succedendo?

Google Foto è un app utilizzata da molti utenti. Ha una grande quantità di funzioni, dalla modifica delle foto alla condivisione di album. Può creare delle animazioni, collage, video e panoramiche, perfino delle storie: raccolte in base al giorno e al posto.

Su Android è possibile anche liberare spazio creare vari album definiti in raccolte, in alcuni casi grazie a Google Foto, si possono creare raccolte automatiche o album condivisi da chiunque abbia il link dell’album.

Google Foto, con la sua funzione di ricerca molto avanzata, consente di dividere le foto in base ai luoghi, alle persone e agli oggetti che sono presenti nell’immagine. La funzione di riconoscimento facciale viene ora usata anche per avere dei suggerimenti durante la condivisione. Dalle impostazioni è possibile attivare la possibilità che siano creati automaticamente delle foto modificate con effetti, animazioni, video e collage.

Ora anche quei pulsanti acquistano una definizione specifica, migliorando ulteriormente quell’applicazione che vanta oltre 30 milioni di download.  La feature, per il momento, è prerogativa di pochi: uno dei primi è tale “Andrew C”, che ha condiviso l’aggiornamento via social, cinguettandolo su Twitter. L’eco, a breve, potrebbe arrivare a molti.