Google Chrome: spiegata la minaccia | Quello che gli utenti devono sapere

Si chiama Contra Chrome ed è un fumetto italiano pensato per spiegare nei minimi dettagli i motivi per cui il browser Google Chrome rappresenterebbe una minaccia per gli utenti. Ecco tutto quello che c’è da sapere a tal proposito

Tra i browser maggiormente utilizzati a livello globale – soprattutto su computer e tablet – non si può non menzionare Chrome. Il servizio offerto da Google conta miliardi di utenti in tutto il mondo, per un successo che è destinato a crescere anche grazie alle tante funzionalità che il team di sviluppatori si prepara a rilasciare per tutti.

chrome fumetto 20220718 cellulari.it
È arrivata anche la traduzione italiana di Contra Chrome, un fumetto che va contro il browser di Big G (Adobe Stock)

Non mancano però le critiche, in particolare riguardanti tematiche legate alla sicurezza dei dati. L’associazione Copernicani ha addirittura deciso di tradurre il fumetto Contra Chrome, scritto e disegnato da Leah Elliot che cerca di sensibilizzare la massa in merito a quanto sta accadendo e a cosa potrebbe succedere in futuro.

Contra Chrome, ecco tutto quello che c’è da sapere sul fumetto

chrome fumetto 20220718 cellulari.it
Si tratta di una sorta di versione satirica e più seria di quello uscito nel lontano 2008 e commissionato proprio da Google (Adobe Stock)

Presentato lo scorso aprile, Contra Chrome può essere letto da oggi anche in italiano. Grazie al lavoro svolto dall’associazione Copernicani con la traduzione. Come si può notare già sfogliando le prime pagine, si è scelto di adottare uno stile ironico. In contrasto con l’argomento trattato, di gran lunga più serio e preoccupante per gli utenti. La lettura di quest’opera può sicuramente facilitare lo sviluppo di un senso critico rispetto all’uso di internet, spesso non troppo attento a tematiche legate alla privacy.

I più attenti avranno già notato che questa versione del fumetto è una sorta di versione critica di quella che venne commissionata da Google stessa a Scott McCloud nel 2008, che era invece pensata per far conoscere alle masse il suo nuovo browser e tutte le potenzialità presenti al suo interno. Senza ovviamente menzioni particolari su possibili problematiche legate alla sicurezza dei dati, che sfociano anche in tematiche più particolari e di cui è bene sempre prestare molta attenzione.