Facebook e la regola sull’utilizzo delle foto: nuova bufala gira sul web

Una nuova bufala relativa all’utilizzo delle foto su Facebook sta girando nelle ultime ore. Tutto quello che c’è da sapere

facebook bufala
Facebook introduce una nuova informativa sulla privacy? Si tratta di una bufala (Pixabay)

Una nuova bufala relativa a Facebook sta girando nelle ultime ore tra gli utenti. Si parla di una regola che verrà introdotta già a partire da domani, grazie alla quale sarà possibile non autorizzare il social network all’utilizzo delle foto pubblicate per altri scopi.

Si tratta ovviamente dell’ennesima notizia fake che gira sul web, con una catena di S. Antonio che sostanzialmente prende in giro milioni di persone. Come già noto, le regole sulla privacy imposte da Facebook sono ben chiare: pubblicando una foto, vengono persi tutti i diritti a riguardo. Il contenuto viene reso totalmente pubblico ed utilizzabile per qualsiasi scopo, senza alcuna possibilità di recriminare in alcun modo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Signal non funziona: la rivale di WhatsApp si blocca a suon di utenti

Facebook e la bufala della regola sulla privacy: i dettagli

Facebook (Adobe Stock)
Una volta pubblicata una foto online, se ne perdono tutti i diritti (Adobe Stock)

Da domani, Facebook introdurrà una nuova regola che permetterà agli utenti di non autorizzare l’uso delle proprie foto pubblicate per altri scopi: è questa l’ennesima bufala che sta girando in queste ore e che ha già colpito milioni di utenti. Si tratta di una fake news abbastanza palese, in quanto le linee relative alla privacy sono ben chiare non solo su Facebook, ma su qualsiasi altro social network. Pubblicando una foto o un qualsiasi altro contenuto proprio, si perdono tutti i diritti.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> I migliori 10 antivirus attualmente disponibili: uno studio

Se quindi anche voi avete ricevuto un messaggio nel quale viene spiegato per filo e per segno il nuovo regolamento imposto dal social network di Zuckerberg, non ci cascate. Le vostre foto continueranno ad essere utilizzabili dall’esatto momento in cui le pubblicate online.