È allarme per Amazon, annunciato sciopero dei trasporti per il Black Friday

Come già successo in passato, anche quest’anno Amazon se la dovrà vedere con uno sciopero dei trasporti per il Black Friday

sciopero amazon
Annunciato sciopero degli autotrasportatori di Amazon per il Black Friday (Getty Images)

Mancano poco meno di due settimane al Black Friday, uno degli eventi più attesi dell’anno. Soprattutto da parte dei più attenti al risparmio, a caccia delle migliori offerte per portarsi a casa prodotti di qualità a prezzi mai così scontati.

In questo senso, Amazon rappresenta un punto di riferimento importante. Già ora è possibile trovare una sezione dedicata, con una miriade di promozioni che aumenteranno all’ennesima potenza con l’avvicinarsi del grande giorno. Intanto però, c’è una brutta notizia per il colosso di Jeff Bezos: è previsto uno sciopero degli autotrasportatori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Seoul diventa virtuale: il progetto per trasportare la città nel Metaverso

Amazon, annunciato sciopero dei trasporti per il Black Friday

Sciopero Amazon
Ecco i motivi che hanno spinto a questa decisione (Getty Images)

Una decisione presa con l’adesione di Filt, Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti e annunciata dal referente Filt Cgil Michele De Rose: Amazon dovrà vedersela con lo sciopero degli autotrasportatori durante il Black Friday.Sciopero generale venerdì 26 novembre, giornata del Black Friday, dei driver, dipendenti delle aziende associate ad Assoespressi che effettuano consegne per conto di Amazon” ha spiegato De Rose. In realtà, il giorno prescelto non è quello delle consegne, ma quello degli acquisti. Non dovrebbero dunque esserci particolari problemi sui tempi di consegna.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Samsung Galaxy A33, un leak svela il possibile design e le sue specifiche tecniche

Ad essere appesantito sarà più che altro il sistema di distribuzione delle merci. “Alla base dello sciopero c’è la richiesta di abbassare carichi e ritmi di lavoro, riducendo l’orario di lavoro settimanale dei driver. Va ridotta la responsabilità sui driver in casi di danni e franchigie e va aumentato il valore economico della trasferta, introducendo il premio di risultato. Chiediamo inoltre di garantire la normativa sulla privacy, la gestione dei dati ed il controllo a distanza” ha concluso De Rose.