Digitale Terrestre e DVB-T2: il test per verificare se bisogna cambiare TV

A breve, il Digitale Terrestre effettuerà lo switch off definitivo a DVB-T2. Ecco il test per verificare se bisogna cambiare TV

digitale terrestre
Digitale Terrestre, come verificare la compatibilità del TV allo standard DVB-T2 (Adobe Stock)

La notizia è ormai sulla bocca di tutti. Entro giugno 2022, in tutta Italia il Digitale Terrestre effettuerà lo switch off a DVB-T2. Tantissime le novità in arrivo, a partire da una qualità video mai vista prima grazie alle nuove frequenze. Ci sono però anche aspetti negativi legati a questa mini rivoluzione della televisione gratuita: milioni di cittadini saranno costretti a cambiare il proprio apparecchio.

Che si tratti di un decoder o di un TV, bisognerà effettuare alcune verifiche per capire se i propri “mezzi” sono compatibili con la nuova tecnologia o se sarà necessario ricorrere ad un nuovo acquisto. Per fare tutti i controlli del caso, da ormai qualche mese ci sono alcuni test utili che in pochi secondi danno esito positivo o negativo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Huawei si allarga al mondo del gaming? In progetto console e notebook

Digitale Terrestre, il test per verificare compatibilità TV

digitale terrestre
Vi basta sintonizzarvi sui canali 100 o 200 (Pixabay)

Se ancora non sapete se il vostro TV è compatibile con il nuovo standard DVB-T2 del Digitale Terrestre, ci sono alcuni test utili che vi daranno una risposta in pochi secondi. Vi basterà sintonizzarvi sul canale 200 (di Mediaset) o 100 (della Rai). A questo punto, dovrebbe uscirvi la scritta “Test HEVC Main10“: vuol dire che avete un apparecchio compatibile. In caso contrario, c’è una brutta notizia per voi: sarete obbligati a comprare un nuovo decoder o una nuova televisione. Di norma, tutti i modelli acquistati dopo il 1 gennaio 2017 dovrebbero essere in grado di agganciare le nuove frequenze, in particolare modo quelli di fascia medio-alta.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Alex Birsan, il ricercatore che ha fatto hackeraggio su 35 importanti aziende tecnologiche

I dubbi sono invece principalmente per quegli apparecchi di marchi minori, di fascia bassa e di piccolo formato. In realtà, ci sono anche alcuni modelli venduti tra il 2013 e il 2017 in grado di decodificare il formato video HEVC, ma sono ben pochi. Per togliervi ogni dubbio, la cosa migliore da fare è sintonizzarvi sul canale 100 o 200 e verificare se vi compare una scritta. Ricordiamo che il Governo ha messo a disposizione un bonus TV del valore di 50 euro per famiglie con reddito Isee fino a 20mila euro.